25 settembre 2018, ultimo aggiornamento alle 15.29
Insieme siamo imbattibili.

TIM: quel pasticciaccio brutto di Telecom Italia Sparkle

Nazionale, 12/09/2018 11:15

USB Lavoro Privato (settore Telecomunicazioni) evidenzia come la notizia sulla potenziale vendita di TI SPARKLE sia l’ennesimo goffo pasticciaccio, figlio delle fibrillazioni in atto tra i principali azionisti “contendenti”, Vivendi ed Elliott, che potrebbe avere ulteriori conseguenze negative sul futuro del Gruppo TIM.

COMUNICATO STAMPA

Roma, 12 settembre 2018

TIM: quel pasticciaccio brutto di Telecom Italia Sparkle

USB Lavoro Privato (settore Telecomunicazioni) evidenzia come la notizia sulla potenziale vendita di TI SPARKLE sia l’ennesimo goffo pasticciaccio, figlio delle fibrillazioni in atto tra i principali azionisti “contendenti”, Vivendi ed Elliott, che potrebbe avere ulteriori conseguenze negative sul futuro del Gruppo TIM.

USB – prosegue il comunicato - richiede l’immediata apertura di un tavolo di confronto con il governo, soggetto attivo della partita attraverso la CDP, per una soluzione seria sul futuro delle Telecomunicazioni per il sistema paese di cui TI Sparkle è player cruciale nello scacchiere internazionale con i suoi oltre 500.000 km di rete TLC.

A quasi un mese dal crollo del ponte Morandi, con il suo tragico bilancio di vite umane, USB ribadisce che le privatizzazioni hanno fallito, favorendo da un lato la speculazione finanziaria con la realizzazione di grandi profitti per pochi capitani coraggiosi, dall’altro producendo una sensibile precarizzazione ed erosione dei diritti sui posti di lavoro.

USB – conclude il comunicato – ritiene quindi che l’unica strada da percorrere sia quella della nazionalizzazione del settore, come di quelli della Sanità, dei Trasporti e dell’Energia, per sottrarli agli appetiti dei privati e degli speculatori, con un piano di finanziamenti e di re-internalizzazioni che porti al superamento del precariato.

Per questi motivi USB Lavoro Privato (settore Telecomunicazioni) aderisce all’Appello Nazionalizzare qui ed ora! e invita tutte/i le lavoratrici e ai lavoratori a sottoscriverlo e a mobilitarsi per la costruzione della manifestazione nazionalizzazione del 20 Ottobre a Roma.


Verso il 20 ottobre

 - 20 settembre
Calabria: Lamezia Terme, sala del Complesso Civico Trame, via degli Oleandri 5

-
24 settembre
Lombardia: Milano, Federazione Regionale, via P.Giacometti 11, ore 16.00

- 25 settembre
Piemonte: Torino, Federazione Regionale, corso A.Tassoni 37/b, ore 16:00

- 26 settembre
Friuli Venezia Giulia: Trieste, Federazione Regionale, via Ponziana 5b, ore 16:30
Liguria: Genova, c/o Inail, Sala Mattarelli, via D'Annunzio 76, ore 10:00
Umbria: Terni, Federazione Regionale, via Montanara 13, ore 17:00

- 28 settembre
Emilia Romagna: Bologna, Sala del Pallone, via del Pallone ore 16:30
Toscana: Firenze, Piazza della Libertà, ore 15

- 29 settembre
Sicilia: Pergusa (EN), sala convegni 'Garden' ore 09:30

- 1 ottobre
Veneto: Padova, via Marzolo 13/b, ore 17:00

- 3 ottobre
Sardegna: Tramatza (OR), Sala Conferenze Anfora Hotel, ore 15:00

- 5 ottobre
Lazio: Roma, largo dello Scoutismo 1, ore 15.00
Puglia: Bari, Hotel Majesty -via G. Gentile 97/b, ore 15:30