Nazionale,

Lo sciopero di oggi non è uno sciopero dettato dalla disperazione ma un vero e forte grido d'allarme per salvare Alitalia, i suoi lavoratori, le decine di migliaia di altre lavoratrici e lavoratori che lavorano nell'indotto aeroportuale. Per salvaguardare un bene comune che qualcuno vuole smembrare e svendere da anni e che ha trovato oggi alcuni esponenti del governo del tutto favorevoli a questa ipotesi. Non esiste alcun grande paese che abbia una forte vocazione turistica, industriale e commerciale che non abbia una Compagnia aerea nazionale. I lavoratori non staranno a guardare che si compia l'ennesima svendita di un pezzo del patrimonio industriale italiano. Le alternative ci sono e le abbiamo già rese pubbliche: un grande piano industriale di rilancio, costruito da esperti veri, un riassetto complessivo del trasporto aereo italiano con regole che valgano per tutti, investimenti e intervento dello stato, sino alla nazionalizzazione.

Nazionale,

L'Assemblea dei lavoratori svoltasi il 26 maggio ha deciso uno sciopero di 24 ore di tutti i dipendenti SKY dalle 01:00 di mercoledì 31 Maggio 2017, alle 01:00 di giovedì 1° giugno. Lo sciopero è stato indetto per il personale su tutto il territorio nazionale e quindi coinvolgerà i siti di Roma, Milano e Cagliari. Lo sciopero si svolgerà in occasione del nuovo incontro al Ministero e quindi si invitano tutti i lavoratori di Roma a partecipare al presidio che si svolgerà presso il Ministero. Questi i 4 punti fondamentali della piattaforma: I licenziamenti devono ridursi a ZERO: tutte le professionalità Sky sono fungibili. Neanche un dipendente deve perdere il lavoro per arricchire ancora di più un'azienda che macina utili al 141%. Modifica del Piano Poseidon con allargamento della base di lavoratori previsti per le due sedi di Roma, sia Montecitorio che Salario. Le eventuali eccedenze di personale devono essere gestite con il contributo di solidarietà di...

Nazionale,

Sabato manifestazione ore 16 Colosseo per Alitalia e tutte le aziende in crisiL’ultima della serie è Esso, che annuncia lo spostamento  a Genova della sede Magliana, con circa 200 lavoratori interessati. Le penultime sono state Sky e Mediaset, in una serie horror che da Alitalia a Almaviva coinvolge ormai decine di migliaia di persone. E mentre i posti di lavoro cancellati o a rischio aumentano, le amministrazioni locali tacciono. Per questo sabato alle 16 Usb tornerà a far sentire la propria voce, insieme ad altre organizzazioni, nella manifestazione convocata al Colosseo.“Ogni giorno si segnalano aziende che spostano la loro attività al nord o che semplicemente chiudono i battenti – dichiara Guido Lutrario della Federazione romana USB – e le istituzioni locali stanno a guardare. La Regione sembra impegnata esclusivamente a ragionare di ammortizzatori, senza alcuna politica industriale capace di invertire la rotta della deindustrializzazione della regione. Il Comune invece è...

Le Ultime Notizie

Rete ISIDE Onlus
Rete Iside

Entra nella Rete!

RETE ISIDE ONLUS

Sostieni Rete Iside:

Dona il 5xMille

E' sufficiente indicare il Codice Fiscale 97534880584

Nel modello 730 o Unico nello spazio apposito