01 marzo 2021, ultimo aggiornamento alle 05:22
Insieme siamo imbattibili.

Ci risiamo! Dopo il licenziamento degli Rsu nel settore Igiene Ambientale è il turno di quelli del settore Gas-Acqua

Roma, 20/01/2021 10:48

Sapevamo che l'accordo scellerato sottoscritto lo scorso 17 dicembre tra Utilitalia, Cgil Cisl Uil e Fiadel per il settore Igiene Ambientale avrebbe rappresentato un precedente pericoloso.

Dopo aver defenestrato gli Rsu democraticamente eletti, avocando a sé la contrattazione e le agibilità sindacali, gli stessi sindacati stanno tentando di riprodurre identico schema nel comparto Energia, in tutte le aziende del settore Gas-Acqua. Con un accordo sottoscritto il 4 dicembre con Utilitalia, Cgil Cisl e Uil si erano impegnati ad indire elezioni entro il 31 gennaio 2021. Ma ad oggi di indizioni non ve n’è traccia. Il rischio, o forse sarebbe meglio dire la reale intenzione, è che dal 1° febbraio migliaia di lavoratori si troveranno senza una rappresentanza democraticamente eletta nelle aziende.

Non dobbiamo trascurare il fatto che il settore rientra nei servizi pubblici essenziali e pertanto continua ad erogare molteplici servizi con lavoratori in presenza, costantemente a rischio contagio. Privarli dei rappresentanti interni alle aziende, che conoscono le molteplici problematiche di questo periodo di emergenza, li pone in una condizione di maggiore pericolo e vulnerabilità.

Sebbene sia ormai sotto gli occhi di tutti che taluni sindacati abbiano abbandonato ormai da anni la bussola della difesa dei diritti, della sicurezza e della democrazia nei luoghi di lavoro, quello che stanno commettendo in piena emergenza pandemica è a tutti gli effetti un vero e proprio omicidio delle libertà sindacali, individuali e collettive. Il loro unico scopo è sgomberare il campo dal dissenso dei lavoratori che si affidano sempre più spesso a organizzazioni sindacali conflittuali come USB, per continuare indisturbati a decidere della vita dei lavoratori a esclusivo vantaggio delle aziende. Le stesse che ricambiano la pace sociale garantita dai soliti noti con avanzamenti di livelli e premi ad personam e che ad ogni rinnovo contrattuale “lacrime e sangue” per i lavoratori, vanno ad arricchire i fondi degli enti bilaterali, gestiti dagli stessi sindacati complici. Non è un caso che tutto ciò stia avvenendo proprio mentre ci si appresta a spartirsi la torta dei fondi del Recovery Fund. 

Ma noi non resteremo di certo a guardare e già dai prossimi giorni convocheremo assemblee in tutti i posti di lavoro per denunciare il delitto che si sta consumando a danno dei lavoratori e della democrazia sindacale, promuovendo tutte le iniziative necessarie a contrastare l'arroganza delle aziende e di Cgil, Cisl e Uil.

 

Unione Sindacale di Base – Lavoro Privato

La casa è un diritto

Gli ospedali non si tagliano. La storia di Castel del Piano

Non sparateci. Siamo solo lavoratori pubblici

USB, 10 anni di rEsistenza

Il saluto del segretario generale WFTU George Mavrikos per i 10 anni di USB

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati