06 marzo 2021, ultimo aggiornamento alle 15:16
Insieme siamo imbattibili.

ArcelorMittal, badge disattivati e cassa integrazione a sorpresa per i lavoratori. USB: “Atteggiamento squallido e irrispettoso”

Taranto, 22/02/2021 17:56

Nessuna comunicazione per i dipendenti di ArcelorMittal che scoprono di esser stati messi in cassa integrazione una volta raggiunta la portineria; quando si apprestano a varcare la soglia della fabbrica per iniziare il proprio turno di lavoro, si trovano davanti la novità: il badge è stato disattivato. Ci rifiutiamo di credere che una multinazionale come ArcelorMittal, che oggi si trova a gestire la più grande acciaieria d’Europa, possa incorrere in errori o dimenticanze così grossolani, e quindi immaginiamo che dietro tutto ciò ci possa essere la volontà di cominciare, anche piuttosto bruscamente, ad abituare i lavoratori ad una nuova realtà.

Gravissimo atteggiamento denigratorio ed offensivo nei confronti dei lavoratori che in alcuni casi, per raggiungere il posto di lavoro, partono da luoghi non vicinissimi come le province di Bari e Lecce, o addirittura dalla Calabria, e quindi sostengono spese per gli spostamenti. Un comportamento tutt’altro che rispettoso che determina ripercussioni psicologiche anche rilevanti e che di conseguenza potrebbe causarne altre di carattere sociale.

Continuano inoltre ad essere insufficienti i Dispositivi di Protezione Individuale e gli igienizzanti forniti all’interno della fabbrica, quando l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 fa registrare numeri alti, e si ravvisano situazioni di rischio soprattutto nella zona dei Parchi Minerali e delle Acciaierie. Assolutamente indispensabile evitare focolai pericolosi che sarebbero difficili da controllare.

Un atteggiamento squallido e irrispettoso da parte dell’azienda nei confronti delle persone che operano all’interno dello stabilimento siderurgico e che vanno tutelate sia dal punto di vista psicologico che da quello fisico.

USB Taranto chiede un tempestivo intervento da parte di rappresentanti istituzionali affinché venga garantito un controllo puntuale delle misure necessarie a contenere il diffondersi della pandemia.

Coordinamento esecutivo USB Taranto

San Basilio, no alla vendita delle case popolari Ater

La casa è un diritto

USB, 10 anni di rEsistenza

Il saluto del segretario generale WFTU George Mavrikos per i 10 anni di USB

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati