22 gennaio 2021, ultimo aggiornamento alle 11:43
Insieme siamo imbattibili.

CONTRATTO MINISTERI AUTOFINANZIATO DAI LAVORATORI

Nazionale, 16/07/2007 10:40
In allegato il testo del Contratto

Il 14 luglio è stato sottoscritto da CGIL CISL UIL ed alcuni sindacati autonomi il nuovo Contratto Collettivo Nazionale dei Ministeri.

Come preannunciato nei comunicati precedenti, si tratta di un contratto a perdere sia per quanto concerne l’aspetto economico che normativo. Infatti con il nuovo ordinamento professionale, si introducono le mansioni d’area e conseguentemente la massima flessibilità; un sistema di valutazione individuale (memorandum) sulla base di criteri e di principi meritocratici.

La chiusura frettolosa dell’accordo, in vista della modifica del contratto da biennio in triennio, in realtà per la parte economica stabilisce aumenti irrisori così suddivisi:
-  anno 2006  8,07   euro medi lordi mensili
-  anno 2007 40,86 euro  medi lordi mensili
Pari a  circa 531,18 euro lordi di arretrati.
Il restante aumento per arrivare a  92,00 euro complessivi per l’ anno 2008  è vincolato all’approvazione della Finanziaria 2008 e all’“invarianza di Governo” .


In pratica se tutto va bene a decorrere dal 1 gennaio 2008 entreranno nelle tasche dei lavoratori circa 50 euro netti.


La differenza, poi,  tra i 101 euro ed i 92 tabellari andrà a finanziare il FUA a partire sempre dal 2008.

Oltre a tutto ciò, abbiamo avuto un ulteriore peggioramento perchè:


-    l’eliminazione della sperequazione delle indennità di amministrazione tra i vari ministeri, è stata risolta attraverso il prelievo dal Fondo Unico di Amministrazione;


-    il nuovo ordinamento professionale che peggiora notevolmente il vecchio in termini di blocco delle progressioni tra le aree, massima flessibilità, aumento ingiustificato dei livelli economici nelle aree (da 11 a 16) e introduzione criteri di meritocrazia per i percorsi di riqualificazione;


-    l’introduzione della mobilità coatta,  a seguito della chiusura degli uffici e sedi di ministero, dove il sindacato sarà solo informato e non avrà nessun ruolo nelle decisioni adottate.


 
Il nuovo codice disciplinare introduce norme più restrittive che lasciano ampio margine al dirigente e contemporaneamente non si riconoscono i diritti più elementari quali il riconoscimento delle malattie gravi e non viene eliminata la vergognosa decurtazione dell’indennità in caso di malattia.


Il contratto, oltre a non prevedere nessun tipo di recupero del potere d’acquisto, introduce pesanti norme contrattuali che mirano a smantellare la funzione della pubblica amministrazione attraverso la riduzione dei diritti dei lavoratori pubblici e a determinare un ruolo subalterno degli stessi sia ai dirigenti che ai sindacati concertativi i quali si preparano a cogestire fette sempre più consistenti di salario e di processi di riqualificazione.

La RdB avvierà nelle prossime settimane le assemblee dei lavoratori in tutti gli uffici. 

Pescara, sit-in dei lavoratori in appalto negli ospedali pubblici

Gli ospedali non si tagliano. La storia di Castel del Piano

Non sparateci. Siamo solo lavoratori pubblici

USB, 10 anni di rEsistenza

Il saluto del segretario generale WFTU George Mavrikos per i 10 anni di USB

La scuola in pandemia

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

A cosa serve la sanità privata?

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati