30 novembre 2020, ultimo aggiornamento alle 13:01
Insieme siamo imbattibili.

I fascisti di Casapound listano a lutto le sedi INPS, USB: alimentano l’odio sociale contro i lavoratori dell’istituto

Nazionale, 08/07/2020 14:51

I fascisti di Casapound hanno rivendicato l’azione di questa notte che ha visto gli ingressi delle sedi dell’INPS listati a lutto da manifesti funebri contro l’operato dell’Istituto di previdenza.

 

La USB denuncia il clima di odio sociale nei confronti dell’INPS alimentato dalle forze politiche della destra reazionaria e rilanciato dalla stampa iperliberista, che nasconde come la maggior parte dei ritardi relativi all’erogazione delle prestazioni Covid, come ad esempio quelli sulla cassa integrazione, sia dovuto alla complessità degli strumenti adottati, che necessitano di molteplici passaggi ed autorizzazioni, compresa la tempestiva richiesta da parte delle imprese che invece in molti casi hanno tardato ad inoltrare le istanze.

 

La USB condanna l’atto intimidatorio nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori dell’INPS che in questi giorni hanno ripreso l’attività di sportello “in presenza” nelle sedi subendo in alcuni casi, come accaduto a Jesi e Pistoia, aggressioni verbali e fisiche da utenti inferociti, vittime a loro volta della mancanza di una corretta informazione.

 

Nei giorni scorsi la USB ha chiesto la rimozione del direttore centrale organizzazione e comunicazione dell’INPS, in quanto in questi mesi di emergenza sanitaria l’Istituto di previdenza non ha adeguatamente rappresentato ai cittadini la possibilità di accesso alle informazioni e alla consulenza con strumenti alternativi allo sportello in presenza e non ha organizzato e investito proficuamente su tali strumenti.

 

Le lavoratrici e i lavoratori dell’INPS hanno saputo fronteggiare con grande sacrificio una situazione eccezionale come quella di ritrovarsi a lavorare da remoto, lontano dagli uffici, con un carico di lavoro straordinario dovuto alle misure decise dal Governo, checché ne possa pensare il prof. Ichino, uno dei responsabili in questi decenni dei continui attacchi ai lavoratori pubblici.

 

La USB annuncia che se l’incontro con l’amministrazione centrale previsto per domani non darà risposte positive alle richieste del sindacato di base dell’INPS, chiamerà i lavoratori dell’Istituto allo sciopero.

 

Roma, 8 luglio 2020                                              USB Pubblico Impiego INPS

Venchi, le lavoratrici a piazza del Popolo con Non Una Di Meno

Venchi, solidarietà da tutta Italia

USB, 10 anni di rEsistenza

La scuola in pandemia

Primo Maggio 2020, pazienza zero /prima parte

Primo Maggio 2020, pazienza zero / seconda parte

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

A cosa serve la sanità privata?

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati