14 novembre 2019, ultimo aggiornamento alle 14:30
Insieme siamo imbattibili.

INPS di Oristano, personale in stato di agitazione.

Oristano, 23/07/2007 11:21

   

 

 

 

 

Le RSU e le OO.SS. della sede INPS di Oristano, anche a seguito di alcuni malori verificatisi tra il personale per colpa delle alte temperature negli uffici, hanno indetto lo stato di agitazione contro l’inerzia della direzione di sede per la mancata riparazione dell’impianto di climatizzazione.

 

 

Oristano, 11 luglio 2007

 

Le sottoscritte OO. SS. ed RSU

CONSTATATO

che le numerose richieste di adattamento dei locali dell’Istituto, in Oristano e Ghilarza, alle necessità proprie di un dignitoso svolgersi dell’attività lavorativa si sono finora risolte in un inutile e sterile temporeggiamento,

indicono lo stato di agitazione del personale e si riservano

ogni altra idonea iniziativa, non esclusa la possibilità di astensione dal lavoro, volta ad assicurare le più elementari condizioni di agibilità e vivibilità richieste in una moderna ed efficace organizzazione.

R.S.U. CGIL CISL UIL CISAL RdB

________________________________________________________

Il Coordinamento Regionale RdB INPS Sardegna, in una lettera inviata al direttore della sede provinciale INPS di Oristano, rilancia sul problema del difettoso funzionamento del sistema di climatizzazione della sede e chiede una immediata soluzione a un problema che si trascina irrisolto da oltre un anno.

________________________________________________________

Oristano – lunedì, 23 luglio 2007

Al Sig. Direttore

la sede provinciale INPS di Oristano

e, per conoscenza

Al Sig. Direttore regionale INPS per la Sardegna

Cagliari

Al Sig. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

della sede provinciale INPS di Oristano

Al Sig. Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione regionale INPS

Cagliari

Ai Sigg. Delegati provinciali RdB CUB - PI INPS

Oristano

Al personale tutto della sede provinciale INPS

Oristano

Mercoledì mattina, ospiti della sede di Oristano per un'assemblea del personale, abbiamo potuto personalmente constatare il difettoso funzionamento del sistema di climatizzazione della sede che funziona bene ed eroga aria piacevolmente fresca solo al settimo piano (quello della direzione, per intenderci).

Man mano che si scende di piano, infatti, l'aria erogata diventa sempre meno fresca (praticamente è solo aria riciclata) e già al quarto piano è praticamente calda.

Questo era uno dei tanti problemi che avevano impedito il previsto trasloco della sede alla data fissata del 4 agosto 2006 e che, debitamente denunciati dalla RSU e dalle OO.SS. della sede di Oristano con loro comunicazione del 20.9.2006 integrata poi da analoga e dettagliata relazione del 21.9.2006 del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ed avvalorata dalla successiva relazione dell'Ufficio tecnico regionale, lo avevano fatto slittare al 6 ottobre 2006 ma solo dopo che la decisa presa di posizione del personale, che rifiutava il trasloco in una sede ancora in condizioni non a norma, era stata superata solo grazie al Suo preciso impegno, preso solennemente di fronte ai rappresentanti del personale ed al Direttore regionale, di "... utilizzare tutte le leve previste nel contratto in caso di inadempienza della Immobilgest srl rispetto agli interventi di manutenzione straordinaria...".

E' evidente che tali impegni non sono stati mantenuti e che la proprietà dello stabile ha ritenuto e ritiene di poter fare quello che vuole in assoluta mancanza di qualsiasi imposizione, di qualsiasi richiamo alle norme contrattuali o di qualsiasi fattivo atto da parte di codesta direzione.

E' altresi evidente lo stato di enorme disagio in cui i colleghi della sede di Oristano sono chiamati a svolgere il proprio lavoro come è altrettanto evidente che la situazione è fatalmente destinata ad aggravarsi ed a diventare critica nel momento in cui il sole di luglio e di agosto martellerà impietosamnente lo stabile e tutto il suo contenuto, persone comprese.

Tutto ciò premesso, Le si intima, ai sensi del D.lgs. 626/94 e delle sue successive modificazioni, di voler immediatamente fare tutto quanto è Suo preciso dovere fare per mettere in mora la proprietà dello stabile, non esclusa la celere esecuzione in proprio dei necessari lavori, per poter adeguatamente tutelare la salute e la sicurezza del personale della sede da Lei diretta e per risolvere definitivamente il problema prima dei caldi estivi.

                                                                   Coordinamento RdB INPS Sardegna

Assemblea metalmeccanici USB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni