14 aprile 2021, ultimo aggiornamento alle 09:04
Insieme siamo imbattibili.

La verità non si censura: doveroso condividere "Svegliati amore mio"

Taranto, 07/04/2021 16:04

Dopo le assurde contestazioni disciplinari di ArcelorMittal a due lavoratori per aver condiviso la fiction "Svegliati amore mio", seguiamo e condividiamo l'ultima puntata della serie con Sabrina Ferilli ed Ettore Bassi, in programma questa sera su Canale 5. Diventa doveroso, soprattutto nei confronti di Roberto e Riccardo, i due lavoratori sospesi, e dopo gli ennesimi incidenti nell'acciaieria che solo per puro caso non hanno avuto conseguenze tragiche.

"Svegliati amore mio", diretta da Simona Izzo e Ricky Tognazzi, racconta in tutta la sua drammaticità lo spaccato di una storia familiare simile alle tante che la popolazione di Taranto è stata costretta a vivere sulla propria pelle. E l'argomento è, purtroppo, più attuale che mai: il dramma della devastazione ambientale e delle malattie infantili causate dalle esalazioni delle fabbriche, sono una realtà che gli abitanti di Taranto conoscono fin troppo bene!

Questa è la nostra fiction, questa è la nostra storia, condividiamo tutti.

USB Taranto

7-4-2021

Fermiamo la strage industriale di Stato

I tirocinanti calabresi a Roma

Batti il 5! Appello alla mobilitazione contro l'articolo 5

La casa è un diritto

USB, 10 anni di rEsistenza

Il saluto del segretario generale WFTU George Mavrikos per i 10 anni di USB

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati