07 dicembre 2022, ultimo aggiornamento alle 11:49
Insieme siamo imbattibili.

Le pulizie alla Camera? Gratis. Lavoratori in rivolta

Roma, 23/11/2017 10:01

Per l’ennesima volta negli ultimi dodici mesi, gli ottanta lavoratori dell’appalto pulizie della Camera dei Deputati si ritrovano senza stipendio, peraltro già falcidiato dai tagli. Così questa mattina i dipendenti dell’associazione temporanea d’impresa tra la calabrese Segi (Cosenza) e la piemontese Gsi (Ivrea) hanno inscenato una protesta nel cuore di Roma: del salario di ottobre ancora non c’è traccia, triste replica di un copione già andato in scena più volte.

I lavoratori, che si sono rivolti all’Unione Sindacale di Base, hanno chiesto di essere ricevuti dai questori della Camera. Vogliono un intervento diretto e deciso su due ditte che ricevono regolarmente dal Parlamento il corrispettivo dell’appalto, ma che poi accampano mille scuse per ritardare o dilazionare il pagamento dei salari.

Una volta di più si conferma l’esigenza di fare pulizia nel sottobosco delle migliaia di ditte che agiscono senza regole nel campo dei servizi ambientali. Stupisce che persino la Camera dei Deputati sia finita in questo intreccio perverso e non riesca a imporre il rispetto della legge e dei contratti ai suoi stessi appaltatori.

Usb chiede il rispetto dei diritti e della dignità dei lavoratori e affiancherà in tutte le sedi i dipendenti Segi e Gsi perché ricevano il dovuto.


Unione Sindacale di Base

La catena del valore le catene del lavoro

Pubblico Impiego, la ricerca USB sui nuovi assunti

USB a Manchester: solidarietà ai ferrovieri RMT Union

La variante operaia in piazza a Roma

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati