04 agosto 2020, ultimo aggiornamento alle 22:28
Insieme siamo imbattibili.

STATO DI AGITAZIONE ALLA CTE

Roma, 16/04/2007 18:54

 

PROCLAMAZIONE DELLO STATO DI AGITAZIONE DEI PROFESSIONISTI E TECNICI DELLE CONSULENZE TECNICHE PER L’EDILIZIA CENTRALE E REGIONALI

 

 

            Le scriventi OO.SS. PROCLAMANO LO STATO DI AGITAZIONE DEI PROFESSIONISTI E DEI TECNICI DELLE CTE operanti in Direzione Generale e nelle Direzioni Regionali a seguito del ricevimento da parte degli stessi di numerose lettere “di significazione, diffida e messa in mora” a firma del Presidente e del Direttore Generale dell’Istituto,  contenenti esorbitanti richieste economiche relative ad investimenti immobiliari.

Nel prendere atto che a seguito di quanto avvenuto sono venute meno le condizioni di garanzia e di  tutela dei dipendenti da parte dell’Amministrazione, le scriventi comunicano che i dipendenti in questione si asterranno, a partire  dalla data odierna da tutte le attività  direttamente o indirettamente connesse con gli investimenti immobiliari, diffidando l’Istituto a sottoscrivere atti irreversibili relativi a proposte di valutazione congruite di recente dalla commissione di congruità.

Le scriventi OO.SS., nella certezza  che i lavoratori abbiano  sempre operato in coerenza con le linee strategiche dell’Istituto e  nel pieno rispetto degli indirizzi operativi tecnico-professionali di struttura, chiedono che venga fatta immediata e piena chiarezza sul loro operato. A  tal fine comunicano che gli stessi si dichiarano disponibili a fornire il proprio supporto e la propria testimonianza.

 

 

Roma, 16 aprile 2007

 

 

 

     CGIL                   CISL                         UIL                     CISAL                      RdB

R. Morelli           P. Pedemonti       A. Delle Monache        P. Fiore            D. Mencarelli

 

 

Le rivendicazioni degli stagionali del turismo

Roma per gli invisibili

Rilanciare i diritti

Primo Maggio - Pazienza zero

La strage nelle RSA lombarde

Il videomecum USB sul coronavirus

A cosa serve la sanità privata?

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni