07 dicembre 2022, ultimo aggiornamento alle 11:28
Insieme siamo imbattibili.

3 ottobre, la mobilitazione USB contro il carovita in 14 piazze italiane. Eni a sorpresa chiude i punti vendita

Nazionale, 03/10/2022 12:32

Oggi, lunedì 3 ottobre, rispondendo alla chiamata della Federazione Sindacale Mondiale WFTU, USB ha organizzato manifestazioni e presidi in 14 piazze italiane per protestare contro il carovita e le speculazioni delle grandi compagnie dell’energia, che si stanno arricchendo a scapito della popolazione. USB ha presentato oggi alla Procura di Roma un esposto, curato dall'avvocato Vincenzo Perticaro, per denunciare queste speculazioni, che hanno già prodotto rincari del 60% dell’energia elettrica e domani porteranno a +80% le tariffe del gas.

 

LA CRONACA DALLE PIAZZE

 

0re 18:00 - Spoleto, presidio di frone alla sede SNAM - ENI

 

Lavoratori e pensionati sono scesi in piazza a Spoleto davanti alla sede SNAM/ENI per denunciare le politiche di guerra, sangue e lacrime importate in Italia con l'esplosione dei prezzi di tutti i generi di prima necessità, nell' ambito della giornata mondiale di lotta per il lavoro, il salario e contro la guerra. 

Ore 16:00 – Roma, presidio di fronte Cassa Depositi e Prestiti

A Roma un centinaio di manifestanti sono con USB davanti alla Cassa Depositi e Prestiti, maggiore azionista di ENI, continuando la protesta contro il carovita e gli aumenti astronomici delle bollette.

Ore 15:00 – Pisa, presidio uffici ENI

A Pisa un folto gruppo di lavoratori si è radunato sotto gli uffici ENI di Viale Bonanni, continuando a bruciare le bollette per protesta. Anche qui gli uffici erano chiusi. per riunione aziendale.

Ore 12:30 – Livorno, presidio ENI Store

Si è svolto  a Livorno un partecipato presidio di fronte all’ENI Store di Scali Olandesi 42, chiuso per un improvviso “corso di aggiornamento”, dove sono state bruciate in segno di protesta le bollette.

Ore 12:30 – Torino, presidio all’ENI Store

A Torino, dove si sono tenute le proteste dei Teleriscadati insieme ad ASIA USB nei giorni scorsi per chiedere che gli extraprofitti delle multiutility vengano usati per saldare le morosità e calmierare le bollette, si sta tenendo un presidio di fronte all’Eni Store di via Regina Margherita.  

Ore 12:30 – Bologna, presidio alla sede di Hera

Decine di manifestanti si sono dati appuntamento di fronte alla sede Hera di Bologna, tra cui tanti cittadini colpiti dal caro bollette. È ora di dire basta con il carovita e la speculazione, non paghiamo le loro crisi e le loro guerre: anche a Bologna sono state bruciae delle bollette per protesta.

Ore 10:30 – Napoli, presidio alla Cassa Depositi e Prestiti: bollette a fuoco

A Napoli un nutrito presidio si è riunito in piazza Plebiscito, nei pressi della Cassa Depositi e Prestiti, maggiore azionista di Eni, e alla Prefettura: qui sono state bruciate simbolicamente alcune bollette per protestare contro i rincari, con il costo più che raddoppiato negli ultimi mesi. Respinta la richiesta di essere ricevuti dal Prefetto.

Ore 10:00 – Cagliari, presidio alla sede Enel

A Cagliari USB ha tenuto un presidio, all’incrocio tra Via Roma e Viale Regina Margherita, di fronte alla sede Enel e a pochi passi dalla sede Inps. In Sardegna i colpi dell’inflazione si fanno sentire forti: gli organi preposti alla vigilanza, anche sulla concorrenza, devono agire per bloccare le speculazioni sull’energia.

Ore 9:00 – Taranto, presidio alla Prefettura 

Il primo presidio questa mattina si è tenuto di fronte alla Prefettura di Taranto, per protestare contro il carovita e per dare un segnale di opposizione alla speculazione, così come alle politiche di sfruttamento e impoverimento dei lavoratori e delle fasce più deboli della popolazione.

 

L'elenco delle mobiliazioni in programma

 

Torino - ore 12:30 - Eni Store, Corso Regina Margherita 223

Novara - ore 16:00 - Angolo delle ore, incrocio corso Italia-corso Cavour

Milano – ore 17:00 – corteo da Store Eni Plenitude di corso Buenos Aires/via P.Castaldi alla sede Arera di piazza Cavour 5

Schio (Vicenza) - ore 12:00 - Ascopiave, via Cementi 37

Trieste – ore 11 – Acegas, via del Teatro 5

Bologna- ore 12:30 – Hera, viale Carlo Berti Pichat 2/4

Firenze - ore 16:30 – Centro commerciale San Donato Novoli

Livorno - ore 12:00 – Eni Store, Scali Olandesi 42

Pisa - ore 15:00 - Eni, viale Bonaini 77

Spoleto – ore 17:30 – centro operativo Snam, via III Settembre 228

Roma – ore 16:00 - Cassa Depositi e Prestiti, via Goito 4

Napoli - ore 10:30 –Cassa Depositi e Prestiti, via Verdi 18

Taranto - ore 9:00 - Prefettura di Taranto, via Anfiteatro 4

Cagliari – ore 10:00 – Enel, via Roma angolo viale Regina Margherita

Unione Sindacale di Base

La catena del valore le catene del lavoro

Pubblico Impiego, la ricerca USB sui nuovi assunti

USB a Manchester: solidarietà ai ferrovieri RMT Union

La variante operaia in piazza a Roma

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati