14 novembre 2019, ultimo aggiornamento alle 15:38
Insieme siamo imbattibili.

Roma. MUNICIPIO XIX: PROTESTANO I DIPENDENTI CONTRO LE CARENZE DI PERSONALE

Roma, 19/07/2007 14:11

Hanno protestato questa mattina davanti alla sede di Via Battistini i dipendenti del XIX Municipio, in stato di agitazione contro le gravi carenze di personale che, unitamente all’apertura di nuovi servizi, sta creando in molti Municipi della capitale gravi disagi sia per i lavoratori che per cittadini.

 

E’ dei giorni scorsi la notizia di aggressioni contro i lavoratori del X e del VII Municipio da parte di cittadini esasperati per le attese, mentre ai dipendenti è stato negato dalla Commissione di Garanzia il diritto di scioperare contro questa situazione.

 

Ma i dipendenti non intendono rimanere passivi: in circa settanta hanno svolto un sit-in, a cui è giunto a portare solidarietà il Presidente della Commissione Consiliare municipale Claudio Ortale,  nel corso del quale hanno volantinato alla cittadinanza e agli esponenti istituzionali le ragioni della loro protesta.

 

“Vogliamo spiegare ai cittadini che questa situazione, che li colpisce quando vengono per una pratica o per un certificato, colpisce noi lavoratori tutti i giorni”, dichiara Gianni Troiani delle RdB-CUB. “La scelta dell’Amministrazione di diminuire il personale e aprire nuovi servizi è cinica. A coprirla non serviranno i soliti discorsi sui “fannulloni”, o le trovate propagandistiche che vorrebbero rappresentare la città di Roma come un’isola felice: i dipendenti dei Municipi hanno dimostrato che non intendono affatto rimanere muti come li vorrebbero”, conclude l’esponente RdB-CUB.

 

 

 


20 luglio 2007 - Roma One

"Manca il personale". Dipendenti in sciopero
Municipio XIX - Circa 50 lavoratori dell'ex circoscrizione hanno protestato contro la situazione di disagio che da mesi sono costretti a fronteggiare : "La scelta di diminuire gli impiegati è cinica"

Roma - Un sit-in di protesta per chiedere più personale. A incrociare le braccia sono stati ieri mattina circa cinquanta impiegati del XIX Municipio in stato di agitazione contro i disagi che da mesi sono costretti a fronteggiare.
"Vogliamo spiegare ai cittadini - ha dichiarato Gianni Troiani delle RdB-CUB - che questa situazione, che li colpisce quando vengono per una pratica o per un certificato, colpisce noi lavoratori tutti i giorni". E poi: "La scelta dell'amministrazione di diminuire il personale e aprire nuovi servizi è cinica. A coprirla non serviranno i soliti discorsi sui 'fannulloni' o le trovate propagandistiche che vorrebbero rappresentare la città di Roma come un'isola felice".
Ai dipendenti è arrivato a portare solidarietà il presidente della Commissione Consiliare municipale Claudio Ortale che ha detto: "Condivido pienamente le ragioni della protesta. La situazione denunciata va subito affrontata altrimenti si rischia il black-out". L'esponente di Rifondazione Comunista ha poi detto di ritenere che sia debba "dare subito seguito all'ordine del giorno sul personale approvato lo scorso 3 luglio dal nostro Consiglio di Municipio" in cui "il parlamentino impegna il suo Presidente a chiedere con urgenza al sindaco l'assegnazione di un numero di dipendenti non inferiore alle trenta unità, articolate per le figure professionali carenti, e altre trenta per i servizi educativi e scolastici da realizzare in tempi certi".


19 luglio 2007 - Omniroma

MUNICIPIO XIX, RDB-CUB: SIT-IN DIPENDENTI CONTRO CARENZA PERSONALE

(OMNIROMA) Roma, 19 lug - «Hanno protestato questa mattina davanti alla sede di Via Battistini i dipendenti del XIX Municipio, in stato di agitazione contro le gravi carenze di personale che, unitamente all'apertura di nuovi servizi, sta creando in molti Municipi della capitale gravi disagi sia per i lavoratori che per cittadini». Così in una nota dell'Rdb-Cub. «È dei giorni scorsi la notizia di aggressioni contro i lavoratori del X e del VII Municipio da parte di cittadini esasperati per le attese, mentre ai dipendenti è stato negato dalla Commissione di Garanzia il diritto di scioperare contro questa situazione - continua la nota - Ma i dipendenti non intendono rimanere passivi: in circa settanta hanno svolto un sit-in, a cui è giunto a portare solidarietà il presidente della Commissione Consiliare municipale Claudio Ortale, nel corso del quale hanno volantinato alla cittadinanza e agli esponenti istituzionali le ragioni della loro protesta». «Vogliamo spiegare ai cittadini che questa situazione, che li colpisce quando vengono per una pratica o per un certificato, colpisce noi lavoratori tutti i giorni - dice Gianni Troiani delle Rdb-Cub - La scelta dell'Amministrazione di diminuire il personale e aprire nuovi servizi è cinica. A coprirla non serviranno i soliti discorsi sui »fannulloni«, o le trovate propagandistiche che vorrebbero rappresentare la città di Roma come un'isola felice: i dipendenti dei Municipi hanno dimostrato che non intendono affatto rimanere muti come li vorrebbero», conclude l'esponente Rdb-Cub.

MUNICIPIO XIX, ORTALE (PRC): «GIUSTA MANIFESTAZIONE DIPENDENTI»

(OMNIROMA) Roma, 19 lug - «Condivido pienamente le ragioni che hanno spinto stamattina una cinquantina di lavoratrici e lavoratori del Municipio XIX di trasformare l'assemblea sindacale, promossa dall'organizzazione sindacale di base Rdb Cub, in una manifestazione di denuncia davanti alla sede del Municipio in via Mattia Battistini». Lo dichiara, in una nota, Claudio Ortale capogruppo del Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea nel Municipio XIX. «Ritengo - prosegue la nota - che la grave situazione denunciata nei diversi interventi da parte dei dipendenti sia realmente da affrontare con la massima attenzione e con la volontà di dare delle risposte adeguate e conseguenti; altrimenti si rischia il black-out con tutte le relative conseguenza che a cascata coinvolgerebbero i cittadini residente e non. Ritengo, quindi, che bisogna dare subito un seguito all'ordine del giorno sul personale approvato lo scorso 3 luglio dal nostro consiglio di Municipio, alla presenza dell'assessore alle Politiche del Personale del Comune di Roma D'Ubaldo. In tale ordine del giorno, il consiglio impegna il suo presidente di Municipio a chiedere con urgenza al sindaco di Roma 'l'assegnazione di un numero di dipendenti non inferiore alle 30 unità, articolate per le figure professionali carenti per il Municipio ed un numero di 30 unità per i servizi educativi e scolastici da realizzare in tempi certì, oltre all'impegno 'affinché in sede di contrattazione decentrata vengano previsti degli incentivi economici per tutti quei dipendenti comunali che dalle sedi dell'amministrazione centrale faranno richiesta, su base volontaria, di essere trasferiti presso i Municipi e parimente anche per tutti i dipendenti che a tutt'oggi prestano servizio nelle sedi municipalì. Come Rifondazione Comunista - conclude Ortale - ci batteremo per permettere che la grave situazione che vive il Personale venga affrontata come questione prioritaria e non come un elemento da considerare come secondario».


19 luglio 2007 - Dire

MUNICIPIO XIX. RDB: SIT-IN DIPENDENTI PER CARENZE PERSONALE

(DIRE) Roma, 19 lug. - Protesta dei dipendenti del XIX Municipio questa mattina davanti alla sede dell'ente, in via Mattia Battistini. Lo rende noto un comunicato delle Rdb che aggiunge come i lavoratori abbiano evidenziato che le gravi carenze di personale, unitamente all'apertura di nuovi servizi, stia creando in molti Municipi della capitale gravi disagi sia per i lavoratori che per cittadini. E' dei giorni scorsi -dice la nota diffusa dai sindacati di base- la notizia di aggressioni contro i lavoratori del X e del VII Municipio da parte di cittadini esasperati per le attese, mentre ai dipendenti e' stato negato dalla Commissione di Garanzia il diritto di scioperare contro questa situazione. Ma i dipendenti non intendono rimanere passivi: in circa settanta hanno svolto un sit-in, a cui e' giunto a portare solidarieta' il presidente della commissione consiliare municipale Claudio Ortale. "Vogliamo spiegare ai cittadini che questa situazione, che li colpisce quando vengono per una pratica o per un certificato, colpisce noi lavoratori tutti i giorni- dichiara Gianni Troiani delle RdB-Cub- La scelta dell'amministrazione di diminuire il personale e aprire nuovi servizi e' cinica. A coprirla- conclude- non serviranno i soliti discorsi sui 'fannulloni', o le trovate propagandistiche che vorrebbero rappresentare la citta' di Roma come un'isola felice: i dipendenti dei Municipi hanno dimostrato che non intendono affatto rimanere muti come li vorrebbero".


COMUNICATO STAMPA
MUNICIPIO 19: Giuste le richieste avanzate dal personale presente stamattina all’assemblea sindacale sit-in promosso dalle RdB/CUB davanti alla sede del Municipio Roma 19. Bisogna dare subito un seguito all’ordine del giorno sul personale approvato lo scorso 3 luglio.


Dichiarazione di Claudio Ortale capogruppo del Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea nel Municipio Roma 19 - Monte Mario
Roma, 19 luglio 2007. 

Condivido pienamente le ragioni che hanno spinto stamattina una cinquantina di lavoratrici e lavoratori del Municipio Roma 19 di trasformare l’assemblea sindacale, promossa dall’organizzazione sindacale di base RdB/CUB, in una manifestazione di denuncia davanti alla sede del Municipio in via Mattia Battistini.
Ritengo che la grave situazione denunciata nei diversi interventi da parte dei dipendenti sia realmente da affrontare con la massima attenzione e con la volontà di dare delle risposte adeguate e conseguenti; altrimenti si rischia il black-out con tutte le relative conseguenza che a cascata coinvolgerebbero i cittadini residente e non.
Ritengo, quindi, che bisogna dare subito un seguito all’ordine del giorno sul personale approvato lo scorso 3 luglio dal nostro Consiglio di Municipio, alla presenza dell’Assessore alle Politiche del Personale del Comune di Roma D’Ubaldo.
In tale ordine del giorno, il Consiglio impegna il suo Presidente di Municipio a chiedere con urgenza al Sindaco di Roma: “l’assegnazione di un numero di dipendenti non inferiore alle 30 unità, articolate per le figure professionali carenti per il Municipio ed un numero di 30 unità per i servizi educativi e scolastici da realizzare in tempi certi”, oltre all’impegno “affinché in sede di contrattazione decentrata vengano previsti degli incentivi economici per tutti quei dipendenti comunali che dalle sedi dell’Amministrazione Centrale faranno richiesta, su base volontaria, di essere trasferiti presso i Municipi e parimente anche per tutti i dipendenti che a tutt’oggi prestano servizio nelle sedi municipali”.
Come Rifondazione Comunista ci batteremo per permettere che la grave situazione che vive il Personale venga affrontata come questione prioritaria e non come un elemento da considerare come secondario.
firmato: Claudio Ortale - capogruppo PRC-SE Municipio Roma 19



Assemblea metalmeccanici USB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni