07 luglio 2020, ultimo aggiornamento alle 02:57
Insieme siamo imbattibili.

OTTENUTO INCONTRO COL GOVERNO: LE RDB-CUB INTERROMPONO OCCUPAZIONE PALAZZO VIDONI

Roma, 22/03/2007 22:16

E’ stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del Pubblico Impiego e dei precari della p.a. con manifestazione nazionale a Roma, l’incontro col Governo su Pubblico Impiego, precariato, e relazioni sindacali con la CUB, come fortemente richiesto dalla delegazione delle RdB-CUB che per 36 ore ha occupato il Ministero della Funzione Pubblica.


Le RdB-CUB esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto, che non potrà che segnare l’avvio di nuove corrette relazioni sindacali.


Dichiara Pierpaolo Leonardi, Coordinatore nazionale CUB: "Abbiamo costretto il governo a mantenere relazioni anche con le organizzazioni conflittuali. Sul merito delle risposte valuteremo nel corso dell’incontro del 30. Confidiamo che la grande partecipazione allo sciopero generale induca il governo a rivedere le proprie posizioni e trovare risorse per i contratti e la sanatoria dei precari".

 

 

PROSEGUE L’OCCUPAZIONE DELLE RdB-CUB
AL MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

La delegazione delle RdB-CUB, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica, prosegue nella sua protesta non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della p.a. e della fine dell’apartheid sindacale.


Alle ore 11.00 i lavoratori attueranno un presidio di solidarietà verso i 7 dirigenti sindacali coinvolti nell’occupazione.


"Ci si oppone alla nostra presenza ai tavoli di concertazione sulla scorta del fatto che la CUB è l’unica confederazione sindacale che si è sempre rifiutata di sottoscrivere gli accordi del ’93 – dichiara Pierpaolo Leonardi, Coordinatore Nazionale della CUB - Stiamo dunque parlando della preistoria sindacale: la concertazione è stata dichiarata morta e sepolta dagli stessi personaggi che la sottoscrissero, ed oggi viene ritirata fuori con l’unico scopo di evitare ogni confronto con l’unico sindacato conflittuale esistente nel paese", conclude il Coordinatore CUB.

 

 

PAGLIARINI E VENIER RAGGIUNGONO
GLI OCCUPANTI RdB-CUB A PALAZZO VIDONI

Il Presidente della Commissione Lavoro della Camera Gianni Pagliarini ed il Deputato Iacopo Venier (PdCI) hanno da poco raggiunto la delegazione delle RdB-CUB che da ieri occupa la sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica.


Pagliarini e Venier hanno manifestato il loro appoggio alle motivazioni della protesta, ed hanno criticato la esclusione della CUB dai tavoli di trattativa su welfare, sviluppo e riforma della p.a., in violazione alle regole della rappresentanza sindacale.

 

 

IL SOTTOSEGRETARIO DE PAOLIS E IL SENATORE ROSSI A PALAZZO VIDONI IN SOLIDARIETA’ CON LE RdB-CUB

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Emilio De Paolis ed il Senatore Ferdinando Rossi si sono recati in visita agli occupanti delle RdB-CUB, chiusi da ieri mattina nella sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica, per esprimere solidarietà e sostegno alla protesta.


Il Sen. Rossi, unitamente al Sen. Turigliatto, presenterà a breve una interrogazione parlamentare in materia di rispetto delle regole di rappresentanza sindacale e di risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici ed il rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego.


Intanto di fronte a Palazzo Vidoni prosegue l’animato presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell’occupazione.

DIFFONDIAMO NOTA RICEVUTA DAL SENATORE FERNANDO ROSSI

Dichiara il Senatore Fernando Rossi: "Se il 30 marzo il Governo non riceverà la CUB, che rappresenta gran parte dei lavoratori precari in Sciopero Generale insieme a tutto il Pubblico Impiego, inizierò uno sciopero del voto in Commissione ed in Aula. Non è pensabile che il mio Governo disattenda il dettato Costituzionale sulla rappresentanza sindacale".

 

 

L’ON. CARUSO SI RECA A PORTARE SOLIDARIETA’ AI DIRIGENTI RdB-CUB CHE STANNO OCCUPANDO PALAZZO VIDONI

L’Onorevole Francesco Caruso (PRC) si è recato al Ministero della Funzione Pubblica dove da ieri mattina è in corso l’occupazione della sala riunioni Stoppani da parte di 7 dirigenti nazionali delle RdB-CUB.


Caruso ha manifestato la sua solidarietà agli occupanti, esprimendo sostegno alle motivazioni della protesta: risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici e fine della esclusione della CUB (Confederazione Unitaria di Base) dai tavoli su welfare, sviluppo e riforma della p.a.


Di fronte a Palazzo Vidoni si è intanto riunito un folto presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell’occupazione.


I 7 dirigenti si dichiarano pronti a proseguire ad oltranza, fino a che non vi saranno impegni concreti da parte del Governo sulle questioni oggetto della protesta.

 

---------------------------------------------------------------------------

Interrogazione al Governo

Interrogazione a risposta scritta

- Al Presidente del Consiglio dei Ministri
- Al Ministro dell’Economia
- Al Ministro della Funzione Pubblica

Premesso che :

- vi è nel Pubblico Impiego uno stato di agitazione che prelude allo Sciopero Generale del 30 Marzo, a causa del mancato rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro ed alla mancata stabilizzazione dei precari pubblici;
- nella dialettica fra Governo e Rappresentanze Sindacali, le RdB CUB hanno più volte denunciato la sistematica violazione delle norme che regolano la rappresentanza sindacale nel Pubblico Impiego;
- in diverse occasioni, come nella sottoscrizione del Memorandum sul lavoro pubblico e negli incontri che vi sono stati a Palazzo Chigi, sono state convocate le sole CGIL, CISL e UIL, escludendo sistematicamente le RdB CUB e le altre organizzazioni sindacali a cui è già stata, formalmente, riconosciuta una rappresentanza nazionale.

Si interrogano i Ministri in indirizzo per conoscere

se nei prossimi incontri e nei tavoli che saranno convocati dai Ministri interessati alle problematiche del Pubblico Impiego, non sia giunto il momento di rispettare il dettato Costituzionale, convocando una organizzazione sindacale che conta oltre 900.000 iscritti e rappresenta una larga parte dei lavoratori dello Stato.

Fernando Rossi - Mauro Bulgarelli - Franco Turigliatto - Fosco Giannini - Franca Rame

 


<//strong><//strong>

22 marzo 2007 - Agi

CONCERTAZIONE: LETTA INCONTRERA' RDB-CUB VENERDI' 30/3

(AGI) - Roma, 22 mar - Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, e il Ministro per le Riforme e innovazioni nella pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, incontreranno venerdi' 30 marzo una delegazione della Confederazione RdB-Cub per affrontare la questione sollevata dalla Confederazione circa la sua partecipazione ai tavoli di concertazione di Palazzo Chigi, nonche' alle problematiche del pubblico impiego e del precariato.

STATALI: RDB INCONTRERA' GOVERNO IL 30 MARZO, STOP OCCUPAZIONE

(AGI) - Roma, 22 mar. - E' stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del Pubblico Impiego e dei precari della P.A. con manifestazione nazionale a Roma, l'incontro col Governo su Pubblico Impiego, precariato, e relazioni sindacali con la CUB, come fortemente richiesto dalla delegazione delle RdB-CUB che per 36 ore ha occupato il Ministero della Funzione Pubblica. Lo rende noto un comunicato del sindacato che esprime soddisfazione per il risultato raggiunto, che "non potra' che segnare l'avvio di nuove corrette relazioni sindacali". Viene di conseguenza posta fine all'occupazione di Palazzo Vidoni.

PUBBLICO IMPIEGO: LEONARDI (RDB-CUB), STOP APARTHEID SINDACALE

(AGI) - Roma, 22 mar. - Staremo qui a Palazzo Vidoni finche' non saremo convocati dal Governo al gran tavolo della concertazione e finche' non avremo risposte chiare sul precariato e sul rinnovo dei contratti di lavoro scaduti ormai da 15 mesi: bisogna finirla con l'apartheid sindacale.
A parlare e' Pierpaolo Leonardi, il leader della Rdb-Cub, 70 mila gli iscritti piu' 30-35 mila precari, del Pubblico Impiego che da ieri insieme ad altri dirigenti occupa Palazzo Vidoni, la sede del Ministero della Funzione Pubblica.
"Lo vedranno tutti, il 30 marzo, quanto contiamo: abbiamo da soli proclamato lo sciopero generale del Pubblico Impiego", dice Leonardi ed aggiunge: "Cgil-Cisl-Uil dicono che le risorse per il rinnovo dei contratti sono incongrue? Scoprono l'acqua calda, noi lo diciamo da tempo e per questo il 30 si sciopera".
Intanto continua l'occupazione di Palazzo Vidoni e stamane i dirigenti della Rdb-Cub hanno ricevuto la visita di solidarieta' di esponenti del Governo e parlamentari: da Francesco Caruso al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Emilio De Paolis, da Ferdinando Rossi al Presidente della Commissione Lavoro della Camera Gianni Pagliarini e Iacopo Venier.
"Abbiamo il diritto di stare al tavolo della concertazione lo prevede la legge Bassanini sulle rappresentanze sindacali: e' una violazione della legge, dunque, la nostra esclusione", si legge in una nota della Rdb-Cub.

PUBBLICO IMPIEGO: ROSSI, SE GOVERNO ESCLUDE RBD SCIOPERO VOTO

(AGI) - Roma, 22 mar. - Se il Governo continua ad escluderla dal tavolo della concertazione e se poi il 30 marzo non la ricevera', iniziero' lo sciopero del voto in Commissione ed in Aula.
E' quanto afferma in merito alla mancata convocazione della Rdb-Cub da parte del Governo al tavolo della concertazione, il senatore Fernando Rossi che stamane portato la sua solidarieta' ai dirigenti della Rdb-Cub che stanno occupando Palazzo Vidoni.
"Non e' pensabile che il mio Governo disattenda il dettato Costituzionale sulla rappresentanza sindacale", conclude Rossi per il quale la Rdb-Cub "rappresenta gran parte dei lavoratori precari in sciopero generale con tutto il pubblico impiego".

GOVERNO E SINDACATI, ORA SI TRATTA (ORE 17)

(AGI) - Roma, 22 mar. - Innalzamento graduale dell'eta' pensionabile e periodica revisione dei coefficienti di calcolo dei trattamenti previdenziali. Il premier Romano Prodi avvia la concertazione con le parti sociali indicando subito la via che il Governo intende seguire in fatto di pensioni: quella di un superamento delle rigidita' precedenti, nel garanzia pero' dell'equilibrio finanziario. E' e' cosi' che e' iniziata oggi la concertazione tra governo, sindacati e Confindustria. Un'agenda che, come spiegato dal governo, prevede tre tavoli di confronto: il primo mercoledi' su produttivita' e competitivita', il secondo e il terzo giovedi' incentrati sulla modernizzazione della Pubblica amministrazione e le riforme in tema di Welfare e lavoro. Argomenti su cui Palazzo Chigi sembra puntare per un'intesa maggio, prima delle elezioni amministrative. Sulle risorse disponibili, tuttavia, la verifica non arrivera' prima di giugno. La concertazione parte comunque gia' in salita per quanto riguarda il rinnovo del contratto degli statali: Cgil, Cisl e Uil, hanno annunciato ieri uno sciopero generale del pubblico impiego per sbloccare la vertenza sul contratto. E mentre si stanno per riunire le parti sociali con il Governo una delegazione delle RdB-CUB, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica, prosegue nella sua protesta "non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della P.A" e per non essere stata invitata ai tavoli di concertazione. "Non sara' facile aprire i tavoli in presenza di uno sciopero proclamato dai sindacati del pubblico impiego" ha fatto notare il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani che ha preso la parola al tavolo a Palazzo Chigi. Piu' ottimista il leader della Cisl, Raffaele Bonanni secondo cui comunque il discorso di Prodi "e' un buon viatico per il confronto". Per tutti arriva il monito del presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo: "La crescita non la porta la cicogna, ma ci vuole il contributo di tutti".


22 marzo 2007 - Asca

CONCERTAZIONE: P.CHIGI, IL 30 LETTA E NICOLAIS INCONTRANO RDB-CUB

(ASCA) - Roma, 22 mar - Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, e il Ministro per le Riforme e innovazioni nella pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, incontreranno venerdi' 30 marzo una delegazione della Confederazione RdB-Cub per affrontare la questione sollevata dalla Confederazione circa la sua partecipazione ai tavoli di concertazione di Palazzo Chigi, nonche' alle problematiche del pubblico impiego e del precariato. Lo rende noto la Presidenza del Consiglio dei ministri.


22 marzo 2007 - Apcom

STATALI/ CUB METTE FINE A OCCUPAZIONE MINISTERO FUNZIONE PUBBLICA
Governo accetta di incontrare 30/3 esponenti sindacato

Roma, 22 mar. (Apcom) - La Cub mette fine all'occupazione della sala riunioni del ministero della Funzione pubblica. Lo annuncia l'organizzazione sindacale di base, sottolineando che la decisione è stata presa dopo che Palazzo Chigi ha accolto la richiesta di incontro avanzata dalla Cub.
E` stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del pubblico impiego e dei precari della pubblica amministrazione con manifestazione nazionale a Roma - si legge in una nota - l`incontro col Governo su pubblico impiego, precariato, e relazioni sindacali con la Cub, come fortemente richiesto dalla delegazione delle Rdb-Cub che per 36 ore ha occupato il ministero della Funzione pubblica".
La Cub esprime soddisfazione per il risultato raggiunto, che non potrà che segnare l`avvio di nuove corrette relazioni sindacali. Pierpaolo Leonardi, coordinatore nazionale della Cub, dichiara: "Abbiamo costretto il Governo a mantenere relazioni anche con le organizzazioni conflittuali. Sul merito delle risposte valuteremo nel corso dell`incontro del 30. Confidiamo che la grande partecipazione allo sciopero generale induca il governo a rivedere le proprie posizioni e trovare risorse per i contratti e la sanatoria dei precari".

CONCERTAZIONE/ VENERDI' 30 LETTA E NICOLAIS RICEVONO COBAS
Su partecipazione a tavoli, problematiche P.I. e precariato

Roma, 22 mar. (Apcom) - Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, e il Ministro per le Riforme e innovazioni nella pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, incontreranno venerdì 30 marzo una delegazione della Confederazione Rdb-Cub per affrontare la questione sollevata dalla Confederazione circa la sua partecipazione ai tavoli di concertazione di Palazzo Chigi, nonché alle problematiche del pubblico impiego e del precariato.

STATALI/F.ROSSI:SE GOVERNO NON RICEVE CUB SCIOPERO VOTO IN SENATO
Al Senato, in commissione e in aula

Roma, 22 mar. (APCom) - "Se il 30 marzo il Governo non riceverà la Cub, che rappresenta gran parte dei lavoratori precari in sciopero generale insieme a tutto il pubblico impiego, inizierò uno sciopero del voto in Commissione ed in Aula. Non è pensabile che il mio Governo disattenda il dettato Costituzionale sulla rappresentanza sindacale". E' quanto afferma il senatore ex Pdci Fernando Rossi, in una nota diffusa dall'ufficio stampa del sindacato extraconfederale Rdb-Cub.

STATALI/ PAGLIARINI E VENIER (PDCI): SBAGLIATO ESCLUDERE RDB-CUB
E' un sindacato rappresentativo, governo non può ignorare legge

Roma, 22 mar. (APCom) - "I rappresentanti del sindacato Rdb-Cub stanno occupando da ieri la sala riunioni del ministero della Funzione pubblica, in protesta contro la decisione di escluderli dai tavoli di trattativa su welfare, sviluppo e riforma della pubblica amministrazione. Riteniamo incomprensibile la scelta operata per la composizione del tavolo di confronto, dal momento che Rdb-Cub è un sindacato rappresentativo nel pubblico impiego ai sensi e nel rispetto della legge sulla rappresentanza". E' quanto affermano in una nota congiunta i deputati del Pdci Jacopo Venier e Giancarlo Pagliarini, presidente della Commissione Lavoro della Camera.
"Il governo, tanto più se di centrosinistra, non può ignorare tale legge: chiediamo perciò - concludono i due esponenti del Pdci - che ritorni sui suoi passi al fine di renderla esigibile".

STATALI/ ESPONENTI SINISTRA SOLIDARIZZANO CON DIRIGENTI CUB
Pagliarini, Caruso, Venier e De Paolis si recano a Palazzo Vidoni

Roma, 22 mar. (Apcom) - Solidarietà da diversi esponenti della sinistra di governo è stata espressa oggi ai rappresentanti delle Rdb-Cub che da ieri stanno occupando la sala riunioni del ministero della Funzione pubblica. Oggi a Palazzo Vidoni si sono recati il presidente della commissione Lavoro della Camera, Gianni Pagliarini, e il deputato Iacopo Venier (Pdci).
Pagliarini e Venier hanno manifestato il loro appoggio alle motivazioni della protesta - riferisce una nota della Cub - e hanno criticato l'esclusione della Cub dai tavoli di trattativa su welfare, sviluppo e riforma della P.A. in violazione alle regole della rappresentanza sindacale. Al ministero si è recato che Francesco Caruso, deputato di Rifondazione comunista.
Di fronte a Palazzo Vidoni si è intanto riunito un folto presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell`occupazione. La Cub si dichiara pronta a proseguire la protesta a oltranza. Manifestazioni di solidarietà anche dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Emilio De Paolis, e dal senatore Ferdinando Rossi, che - riferisce la Cub - si sono recati a Palazzo Vidoni.

STATALI/ RUSSO SPENA: SBAGLIATO ESCLUDERE CUB DA TRATTATIVA
Problema di democrazia: è un sindacato rappresentativo

Roma, 22 mar. (APCom) - "Credo che sia urgente e giusto che il ministro della Funzione pubblica ammetta al tavolo delle trattative il sindacato Cub che sta, in queste ore, protestando per l'esclusione nella sede del ministero". Lo afferma in una nota il presidente del gruppo Prc al Senato Giovanni Russo Spena.
"E' un problema serio di democrazia: non si comprende - sottolinea l'esponente del Prc - perché un sindacato importante, diffuso, fortemente rappresentativo delle istanze delle lavoratrice e lavoratori di un settore fondamentale dello stato debba essere escluso dal tavolo negoziale".

STATALI/ PROSEGUE OCCUPAZIONE RDB-CUB A MIN.FUNZIONE PUBBLICA
Accusano governo: esclusi da concertazione

Roma, 22 mar. (APCom) - La delegazione delle RdB-CUB, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica, prosegue nella sua protesta "non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della p.a. e della fine dell`apartheid sindacale". Lo afferma in una nota il sindacato.
"Ci si oppone alla nostra presenza ai tavoli di concertazione sulla scorta del fatto che la CUB è l`unica confederazione sindacale che si è sempre rifiutata di sottoscrivere gli accordi del `93 - ha dichiarato Pierpaolo Leonardi, coordinatore nazionale della CUB -. Stiamo dunque parlando della preistoria sindacale: la concertazione è stata dichiarata morta e sepolta dagli stessi personaggi che la sottoscrissero, ed oggi viene ritirata fuori con l`unico scopo di evitare ogni confronto con l`unico sindacato conflittuale esistente nel paese", conclude il coordinatore CUB.


22 marzo 2007 - Ansa

STATALI: RDB-CUB OTTIENE INCONTRO,STOP OCCUPAZIONE MINISTERO

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - I sindacalisti delle Rdb-Cub hanno ottenuto un incontro il governo e hanno interrotto l'occupazione di una sala del ministero della Funzione Pubblica iniziata ieri mattina. Lo rende noto la sigla sindacale in un comunicato nel quale annuncia che ''e' stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del Pubblico Impiego e dei precari della p.a. con manifestazione nazionale a Roma, l'incontro col Governo su Pubblico Impiego, precariato, e relazioni sindacali con la Cub, come fortemente richiesto dalla delegazione delle Rdb-Cub che per 36 ore ha occupato il Ministero della Funzione Pubblica''. Nel comunicato le Rdb-Cub ''esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto, che non potra' che segnare l'avvio di nuove corrette relazioni sindacali''. ''Abbiamo costretto il governo - ha dichiarato Pierpaolo Leonardi, coordinatore nazionale dei sindacati di base - a mantenere relazioni anche con le organizzazioni conflittuali. Sul merito delle risposte valuteremo nel corso dell'incontro del 30. Confidiamo che la grande partecipazione allo sciopero generale induca il governo a rivedere le proprie posizioni e trovare risorse per i contratti e la sanatoria dei precari''.

CONCERTAZIONE: PARTECIPAZIONE CUB A VAGLIO GOVERNO 30 MARZO

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta e il ministro per le riforme e l' innovazioni nella Pubblica amministrazione Luigi Nicolais incontreranno venerdì 30 marzo una delegazione della Confederazione RdB-Cub per affrontare la questione sollevata dalla Confederazione circa la sua partecipazione ai tavoli di concertazione di Palazzo Chigi, nonchè alle problematiche del pubblico impiego e del precariato. Lo rende noto un comunicato di Palazzo Chigi.

LAVORO: RUSSO SPENA, SBAGLIATO ESCLUDERE CUB DA TRATTATIVA

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - «Credo che sia urgente e giusto che il ministro della Funzione Pubblica ammetta al tavolo delle trattative il sindacato Cub che sta, in queste ore, protestando per l'esclusione nella sede del ministero». È quanto chiede il presidente del gruppo Prc al Senato Giovanni Russo Spena che parla di «un problema serio di democrazia». «Non si comprende - osserva Russo Spena - perchè un sindacato importante, diffuso, fortemente rappresentativo delle istanze delle lavoratrice e lavoratori di un settore fondamentale dello Stato debba essere escluso dal tavolo negoziale».

STATALI: RDB-CUB, PROSEGUE OCCUPAZIONE A FUNZIONE PUBBLICA

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - La delegazione delle RdB-CUB, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del ministero della Funzione Pubblica, prosegue nella sua protesta «non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della p.a. e della fine dell'apartheid sindacale». È quanto fanno sapere le rappresentanze di base in un nota in cui si ricorda che «alle ore 11 i lavoratori attueranno un presidio di solidarietà verso i 7 dirigenti sindacali coinvolti nell'occupazione». «Ci si oppone alla nostra presenza ai tavoli di concertazione sulla scorta del fatto che la Cub è l'unica confederazione sindacale che si è sempre rifiutata di sottoscrivere gli accordi del 93 dichiara Pierpaolo Leonardi, Coordinatore Nazionale della Cub - Stiamo dunque parlando della preistoria sindacale: la concertazione è stata dichiarata morta e sepolta dagli stessi personaggi che la sottoscrissero, ed oggi viene ritirata fuori con l'unico scopo di evitare ogni confronto con l unico sindacato conflittuale esistente nel paese , conclude il Coordinatore Cub».


22 marzo 2007 - Adnkronos

P.I.: IL 30 MARZO LETTA E NICOLAIS INCONTRANO DELEGAZIONE RDB

Roma, 22 mar. - (Adnkronos) - Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Enrico Letta, e il Ministro per le Riforme e innovazioni nella pubblica amministrazione, Luigi Nicolais, incontreranno venerdi' 30 marzo una delegazione della Confederazione RdB-Cub. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi. Nel corso dell'incontro sara' affrontata la questione sollevata dalla Confederazione circa la sua partecipazione ai tavoli di concertazione di Palazzo Chigi, nonche' alle problematiche del pubblico impiego e del precariato.

P.I.: CARUSO (PRC) SOLIDARIETÀ A RDB-CUB SU OCCUPAZIONE SALA PALAZZO VIDONI

Roma, 22 mar. - (Adnkronos) - Solidarietà da parte di Francesco Caruso di Rifondazione Cominista alla delegazione Rdb-Cub che da ieri occupa una sala di Palazzo Vidoni per sollecitare un incontro con i vertici del ministero della Funzione pubblica per la stabilizzazione dei precari. Caruso, come informa una nota, ha manifestato la sua solidarietà agli occupanti, esprimendo sostegno alle motivazioni della protesta: risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici e fine della esclusione della Confederazione Unitaria di Base dai tavoli su welfare, sviluppo e riforma della pubblica amministrazione.


22 marzo 2007 - Omniroma

FUNZIONE PUBBLICA, RDB: INCONTREREMO GOVERNO, INTERROTTA OCCUPAZIONE

(OMNIROMA) Roma, 22 mar - «È stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del Pubblico Impiego e dei precari della pubblica amministrazione con manifestazione nazionale a Roma, l'incontro col Governo su Pubblico Impiego, precariato, e relazioni sindacali con la CUB, come fortemente richiesto dalla delegazione delle RdB-CUB che per 36 ore ha occupato il Ministero della Funzione Pubblica». In una nota le RdB-CUB esprimono «soddisfazione per il risultato raggiunto, che non potrà che segnare l'avvio di nuove corrette relazioni sindacali». E annunciano l'interruzione dell'occupazione di Palazzo Vidoni. «Abbiamo costretto il governo a mantenere relazioni anche con le organizzazioni conflittuali - dice Pierpaolo Leonardi, coordinatore nazionale CUB - Sul merito delle risposte valuteremo nel corso dell'incontro del 30. Confidiamo che la grande partecipazione allo sciopero generale induca il governo a rivedere le proprie posizioni e trovare risorse per i contratti e la sanatoria dei precari».

FUNZIONE PUBBLICA, RDB:«PAGLIARINI E VENIER APPOGGIANO PROTESTA»

(OMNIROMA) Roma, 22 mar - «Il presidente della commissione Lavoro della Camera Gianni Pagliarini ed il deputato Iacopo Venier (Pdci) hanno da poco raggiunto la delegazione delle Rdb-Cub che da ieri occupa la sala riunioni del ministero della Funzione pubblica.Pagliarini e Venier hanno manifestato il loro appoggio alle motivazioni della protesta, ed hanno criticato la esclusione della Cub dai tavoli di trattativa su welfare, sviluppo e riforma della pubblica amministrazione, in violazione alle regole della rappresentanza sindacale». Lo comunica, in una nota, l'Rdb-Cub.

FUNZIONE PUBBLICA, RDB: «DE PAOLIS E ROSSI VISITANO OCCUPANTI»

(OMNIROMA) Roma, 22 mar - «Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Emilio De Paolis, e il senatore Ferdinando Rossi si sono recati in visita agli occupanti delle Rdb Cub, chiusi da ieri mattina nella sala riunioni del ministero della Funzione Pubblica, per esprimere solidarietà e sostegno alla protesta». Lo riferisce una nota delle Rdb Cub. «Rossi, unitamente a Turigliatto, presenterà a breve una interrogazione parlamentare in materia di rispetto delle regole di rappresentanza sindacale e di risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici ed il rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego - continua Rdb Cub - Intanto di fronte a Palazzo Vidoni prosegue l'animato presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell'occupazione».

FUNZIONE PUBBLICA, RDB-CUB: «PROSEGUE OCCUPAZIONE MINISTERO»

(OMNIROMA) Roma, 22 mar - «La delegazione delle Rdb-Cub, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del Ministero della Funzione pubblica, prosegue nella sua protesta non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della pubblica amministrazione e della fine dell'apartheid sindacale. Alle 11 i lavoratori attueranno un presidio di solidarietà verso i 7 dirigenti sindacali coinvolti nell'occupazione». Lo rende noto Rdb-Cub. «Ci si oppone alla nostra presenza ai tavoli di concertazione sulla scorta del fatto che la CUB è l'unica confederazione sindacale che si è sempre rifiutata di sottoscrivere gli accordi del '93 - dichiara Pierpaolo Leonardi, coordinatore nazionale della Cub - Stiamo dunque parlando della preistoria sindacale: la concertazione è stata dichiarata morta e sepolta dagli stessi personaggi che la sottoscrissero, ed oggi viene ritirata fuori con l'unico scopo di evitare ogni confronto con l'unico sindacato conflittuale esistente nel paese».


22 marzo 2007 - Dire

PA. OK INCONTRO, RDB INTERROMPONO OCCUPAZIONE PALAZZO VIDONI

(DIRE) Roma, 22 mar. - E' stato fissato per il 30 marzo a Palazzo Chigi, in occasione dello sciopero generale del Pubblico Impiego e dei precari della Pa con manifestazione nazionale a Roma, l'incontro col Governo su Pubblico Impiego, precariato, e relazioni sindacali con la CUB, come fortemente richiesto dalla delegazione delle RdB-CUB che per 36 ore ha occupato il Ministero della Funzione Pubblica. Le RdB-CUB esprimono soddisfazione per il risultato raggiunto, che non potra' che segnare l'avvio di nuove corrette relazioni sindacali.

PA. ROSSI-TURIGLIATTO-BULGARELLI-GIANNI-RAME: CONVOCARE RDB-CUB

(DIRE) Roma, 22 mar. - Ferdinando Rossi, Mauro Bulgarelli, Franco Turigliatto, Fosco Gianni e Franca Rame. Cinque nomi non casuali, cinque senatori da mesi al centro dell'attenzione per posizioni sul filo della 'dissidenza' rispetto alla coalizione di appartenenza. Cinque senatori in alleanza, questa volta, al fianco del sindacato Rdb Cub. Devono essere convocati al tavolo che discute del pubblico impiego e del rinnovo del contratto collettivo. Questa la richiesta di base di un'interrogazione che i cinque senatori hanno inviato al premier Romano Prodi e ai ministri dell'Economia e della Funzione pubblica. Nel pubblico impiego, fanno osservare, "c'e' uno stato di agitazione che prelude allo sciopero generale del 30 marzo a causa del mancato rinnovo del contratto collettivo nazionale". In alcune occasioni e in alcuni incontri a Palazzo Chigi, insistono, "sono state convocate le sole Cgil, Cisl e Uil, escludendo sistematicamente le Rdb Cub". Ebbene, i cinque senatori, vogliono sapere "se nei prossimi incontri e nei tavoli che saranno convocati dai ministri interessati alle problematiche del pubblico impiego, non sia giunto il momento di rispettare il dettato costituzionale, convocando una organizzazione sindacale che conta oltre 900.000 iscritti e rappresenta una larga parte dei lavoratori dello stato".

PA. RUSSO SPENA: SBAGLIATO ESCLUDERE CUB DA TRATTATIVE

(DIRE) Roma, 22 mar. - "Credo che sia urgente e giusto che il ministro della Funzione pubblica ammetta al tavolo delle trattative il sindacato Cub che sta, in queste ore, protestando per l'esclusione nella sede del ministero". LO afferma il presidente del gruppo Prc al Senato Giovanni Russo Spena.
"E' un problema serio di democrazia: non si comprende perche' un sindacato importante, diffuso, fortemente rappresentativo delle istanze delle lavoratrice e lavoratori di un settore fondamentale dello Stato- prosegue- debba essere escluso dal tavolo negoziale".

PA. VISITA SOLIDALE DI CARUSO AGLI OCCUPANTI DI PALAZZO VIDONI

(DIRE) Roma, 22 mar. - Francesco Caruso, ex-leader no global ora deputato indipendente del Prc, oggi ha incontrato al ministero della Funzione Pubblica i sette dirigenti nazionali delle RdB-CUB che da ieri mattina occupano la sala riunioni Stoppani, per protestare contro l'esclusione dalle trattative tra ministro e sindacati sulla stabilizzazione dei precari della Pa. Caruso ha manifestato la sua solidarieta' agli occupanti, "esprimendo sostegno alle motivazioni della protesta: risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici- si legge nella nota della Cub- e fine della esclusione della Confederazione unitaria di base dai tavoli su welfare, sviluppo e riforma della Pa". Di fronte a Palazzo Vidoni si e' intanto riunito un folto presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell'occupazione. I sette dirigenti si dichiarano "pronti a proseguire ad oltranza, fino a che non vi saranno impegni concreti da parte del governo sulle questioni oggetto della protesta".


22 marzo 2007 - Prima

P.A.: CARUSO SI RECA A PORTARE SOLIDARIETA’ AI DIRIGENTI RDB-CUB CHE STANNO OCCUPANDO PALAZZO VIDONI

(PRIMA) ROMA - L’Onorevole Francesco Caruso (PRC) si è recato al Ministero della Funzione Pubblica dove da ieri mattina è in corso l’occupazione della sala riunioni Stoppani da parte di 7 dirigenti nazionali delle RdB-CUB. Caruso ha manifestato la sua solidarietà agli occupanti, esprimendo sostegno alle motivazioni della protesta: risorse certe per la stabilizzazione dei precari pubblici e fine della esclusione della CUB (Confederazione Unitaria di Base) dai tavoli su welfare, sviluppo e riforma della p.a. Di fronte a Palazzo Vidoni si è intanto riunito un folto presidio di lavoratori e delegati sindacali a sostegno dell’occupazione. I 7 dirigenti si dichiarano pronti a proseguire ad oltranza, fino a che non vi saranno impegni concreti da parte del Governo sulle questioni oggetto della protesta.

PROSEGUE L’OCCUPAZIONE DELLE RDB-CUB AL MINISTERO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

(PRIMA) ROMA - La delegazione delle RdB-CUB, che da ieri mattina ha occupato la sala riunioni del Ministero della Funzione Pubblica, prosegue nella sua protesta non avendo ancora ricevuto impegni precisi da parte del Governo in materia di risorse per la stabilizzazione dei precari della p.a. e della fine dell’apartheid sindacale. Alle ore 11.00 i lavoratori attueranno un presidio di solidarietà verso i 7 dirigenti sindacali coinvolti nell’occupazione.
"Ci si oppone alla nostra presenza ai tavoli di concertazione sulla scorta del fatto che la CUB è l’unica confederazione sindacale che si è sempre rifiutata di sottoscrivere gli accordi del ’93 – dichiara Pierpaolo Leonardi, Coordinatore Nazionale della CUB - Stiamo dunque parlando della preistoria sindacale: la concertazione è stata dichiarata morta e sepolta dagli stessi personaggi che la sottoscrissero, ed oggi viene ritirata fuori con l’unico scopo di evitare ogni confronto con l’unico sindacato conflittuale esistente nel paese", conclude il Coordinatore CUB.


Roma per gli invisibili

Rilanciare i diritti

Primo Maggio - Pazienza zero

La strage nelle RSA lombarde

Il videomecum USB sul coronavirus

A cosa serve la sanità privata?

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni