07 dicembre 2022, ultimo aggiornamento alle 15:43
Insieme siamo imbattibili.

Siamo tutti Niccolò: venerdì 24 giugno manifestazione al Ministero del Lavoro contro sfruttamento e precarietà

Nazionale, 21/06/2022 13:24

La scorsa settimana abbiamo assistito all’ennesima rappresentazione delle condizioni di lavoro a cui milioni di persone sono sottoposte nel nostro Paese, ossia la vicenda di Niccolò Daviddi, che durante la trasmissione “Agorà” su Rai 3 ha raccontato la sua esperienza lavorativa nel settore dei Beni Culturali.

Niccolò è un archeologo, lavorava in una società archeologica e si occupava della sorveglianza in corso d'opera nei cantieri stradali di Roma, per monitorare l’eventuale ritrovamento di reperti archeologici durante i lavori di scavo per la posa di sottoservizi, inquadrato come libero professionista e quindi retribuito come partita Iva nonostante svolgesse, a tutti gli effetti, un lavoro subordinato.

Ebbene, dopo il racconto in cui denunciava compensi bassi e diritti inesistenti, Niccolò è stato estromesso dal gruppo WhatsApp aziendale nel quale venivano assegnati i cantieri, di fatto ritrovandosi impossibilitato a continuare a svolgere la sua occupazione, senza uno straccio di preavviso o di comunicazione da parte della società archeologica, in quanto “libero professionista”.

Tutto questo è accaduto nel pieno del dibattito nazionale sulla scarsa reperibilità di forza lavoro in diversi settori del mercato e sulla necessità di introdurre un salario minimo, con il reddito di cittadinanza continuamente accusato di essere il responsabile della mancanza di manodopera.

Il settore dei Beni Culturali è solo un tassello in un mosaico più grande. La storia di Niccolò ci dà un chiaro spaccato di come, nel nostro Paese, vengano davvero trattati i lavoratori, giovani e meno giovani, e a quali condizioni siano sottoposti: contratti part-time involontari, salari bassi, partite Iva coatte con compensi da fame che spesso nascondono lavoro dipendente, instabilità e assenza di contrattualizzazione. Che quando c’è… è irregolare!

Rifiutiamo categoricamente la retorica secondo cui i giovani non abbiano voglia di lavorare. Siamo invece convinti che, in Italia, ci sia un grande problema da affrontare che riguarda, in primis, i salari fermi da 30 anni e la diffusa precarietà del lavoro causata dalla mancanza di controlli e dalla manica larga concessa ai datori di lavoro su contrattualizzazioni sempre più flessibili, che erodono sempre di più di diritti di chi lavora.

per questo invitiamo a partecipare alla

MANIFESTAZIONE DAVANTI AL MINISTERO DEL LAVORO

 (VIA MOLISE ANGOLO VIA VENETO)

VENERDÌ 24 GIUGNO ALLE ORE 15.00

Slang USB

La catena del valore le catene del lavoro

Pubblico Impiego, la ricerca USB sui nuovi assunti

USB a Manchester: solidarietà ai ferrovieri RMT Union

La variante operaia in piazza a Roma

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati