18 gennaio 2021, ultimo aggiornamento alle 21:09
Insieme siamo imbattibili.

CONTRATTO, SALARIO E PRECARIETA' APRONO IL CONFRONTO CON MUSSI

Roma, 19/07/2007 21:09

 

 

 

 

NESSUN RILANCIO DELL'UNIVERSITA' E' POSSIBILE SENZA O CONTRO I LAVORATORI !

Con questa determinazione i delegati RdB del settore hanno affrontato il confronto con il Ministro dell'Università. Dal canto suo il min. Mussi ha elencato i provvedimenti già previsti dal Dpef o in gestazione rispondendo così alle richieste che RdB aveva avanzato nell'incontro del 15 giugno scorso.

RdB ha rivendicato investimenti aggiuntivi per il rilancio dell'Università, e in specifico risorse aggiuntive per porre un argine alla caduta dei salari e l'avvio delle procedure per il rinnovo del Contratto Nazionale, ha ribadito e argomentato la sua contrarietà alla valutazione individuale dei lavoratori legata a incentivi salariali già disastrosamente sperimentata per anni nel comparto Università, ha denunciato l'aleatorietà dell'attuale ordinamento professionale che favorisce e maschera sottoinquadramento e sfruttamento dei lavoratori e rivendicato la sua profonda revisione, ha rivendicato lo sblocco del salario accessorio congelato ai valori del 2004 dalla Finanziaria 2006 e confermata da quella 2007, ha denunciato la pretesa degli atenei di non dare corso alle normative contrattuali nazionali o di stravolgerle in nome di una malintesa autonomia svuotando così di valore contrattazione nazionale e contrattazione d'ateneo.

Particolarmente dura è stata la denuncia della pretesa degli atenei di non sentirsi in obbligo di dare applicazione alla direttiva di stabilizzazione dei precari e del conseguente licenziamento per fine contratto di tanti lavoratori a tempo determinato (per questi lavoratori RdB ha chiesto la proroga immediata dei contratti in scadenza), ha denunciato anche quella norma del CCNL 1998-2001 che prevede la possibilità per gli atenei di coprire fino al 20% dei posti stabili con contratti a tempo determinato in aggiunta ai contratti “atipici” (co.co.co. ecc.); norma che hanno permesso in pochi anni una crescita scandalosa della precarietà negli atenei di cui a quanto pare nessuno vuole assumersene la responsabilità, firmatari confederali e “autonomi” del contratto 1998-2001 e tanto meno le autonomie !

A questo proposito RdB ha citato il caso dell'ateneo di Firenze dove secondo dati ministeriali dove i tempi determinati sono 176 mentre i co.co.co. ammontano a ben 993 unità e la dirigenza parla di solo 96 stabilizzazioni possibili ...!

RdB ha chiesto un investimento economico specifico per stabilizzazione di tutti i lavoratori precari dell'Università e anche un provvedimento normativo ed economico a sanatoria per quella massa enorme di ricercatori precari oggi abbandonati a se stessi dalla miopia della politica e della baronia.

Queste e ulteriori rivendicazioni sono state comunque presentate anche per iscritto al Ministro, il quale ha ribadito il proprio impegno a reperire ulteriori risorse auspicando di trovare il sostegno di tutti e ha ribadito il proprio obiettivo di ricondurre a una sola figura contrattuale (il contratto a tempo determinato) la pletora insondabile di figure di lavoratori precari che in questo decennio sono proliferate negli atenei prevedendo anche la stabilizzazione.

L'incontro si è chiuso sulla reciproca volontà a riprenderlo in settembre in vista della preparazione della Finanziaria 2008.


Gli ospedali non si tagliano. La storia di Castel del Piano

Non sparateci. Siamo solo lavoratori pubblici

USB, 10 anni di rEsistenza

Il saluto del segretario generale WFTU George Mavrikos per i 10 anni di USB

La scuola in pandemia

Politiche attive, il webinar USB

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

SCARICA L'INSTANT BOOK

Il videomecum USB sul coronavirus

A cosa serve la sanità privata?

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati