07 agosto 2022, ultimo aggiornamento alle 20:06
Insieme siamo imbattibili.

La solidarietà a USB dall’Italia e dall’estero

Roma, 06/04/2022 16:50

Numerose le manifestazioni di solidarietà a USB, dopo i gravi fatti nella nostra sede nazionale di Via dell’Aeroporto, a Roma. Le riportiamo di seguito, ringraziando organizzazioni e singoli che stanno dimostrando vicinanza ad USB in questo difficile momento.

Noi non ci lasciamo intimidire, continueremo con la lotta ed il nostro impegno per i diritti di tutti i lavoratori e le lavoratrici.

Unione Sindacale di Base

 

----------------------------------------------

George Mavrikos, General Secretary of the WFTU

The World Federation of Trade Unions condemns the planned and slanderous Italian Police operation at the USB Offices in Rome On behalf of our 105 million affiliates who live, work and struggle in 133 countries of the 5 continents we demand an immediate end to the organized police provocation against the USB, a WFTU affiliate. We also condemn the illegal police entry and raid at the trade union offices.

USB struggles with its only weapons: its class-oriented line and its militant spirit in plain daylight; that is the kind of struggle which disturbs the anti-worker and pro-war Italian government.

Brothers and sisters, comrades of the USB, you are not alone.

We all stand with you.

The WFTU of the five continents will move and act with you, so that this dirty and slanderous operation orchestrated by dark cycles fail.

We call upon Italian workers to support the USB which constitutes the genuine class force of the trade union movement in Italy.

Hands off the USB!

----------------------------------------------
Unité CGT (Francia)

Provocation contre le syndicalisme : l'armée italienne veut perquisitionner le siège de l'Union syndicale de base
Solidarité avec l'USB!
Dans un communiqué publié ce matin, l'Union syndicale de base (USB) syndicat de classe et de masse italien a dénoncé un "raid sans précédent" des forces de sécurité au siège national de l'USB.
Selon le communiqué de l'USB, "l'armée prévoit de procéder à une recherche d'armes, suite à un signalement téléphonique. Un prétexte évidemment et totalement risible pour envoyer un message au syndicat qui en ce moment agace clairement" l'Etat et le Medef italien.
"L'USB a immédiatement activé ses avocats et lancé un appel à la solidarité contre la provocation mise en œuvre. Ils ne nous arrêteront pas", rappelle le syndicat, à l'avant-garde du refus et de la guerre impérialiste, et des mesures de régression sociale mis en place par le gouvernement en Italie.
Une grande journée de grève nationale et interprofessionnelle est appelée par l'USB, affiliée à la Fédération Syndicale Mondiale, pour le 22 avril prochain.

----------------------------------------------

Jean-Pierre Page

ancien membre de la Commission exécutive confédérale et responsable du département international de la CGT(France)

Je viens d'être informé de la perquisition de la police dans vos locaux à Rome. Je suis indigné par cette provocation comme le seront j'en suis certain les militants de la CGT. Vous menez un juste combat pour les revendications, le désarmement et la paix marqués par vos initiatives d'actions à Pise et Genoa. Celles-ci montrent la voie dans laquelle le syndicalisme anticapitaliste et anti impérialiste doit s'engager. Il ne fait aucun doute que le prochain Congrès de la FSM sera un formidable rassemblement de luttes et de solidarité internationaliste. Je sais combien l'USB va y contribuer et je m'en félicite. 

Nous nous retrouverons au Congrès ou je serai présent. Je vous souhaite bon courage et la réussite de vos initiatives contre les provocations de l'UE et du gouvernement Draghi complices d'un impérialisme US en déclin.

En solidarité fraternelle et internationaliste,

----------------------------------------------

PAME (Grecia)

PAME expresses its solidarity with the Italian trade union USB and the Italian workers who are fighting for their rights, against the imperialist war and suffering the attack and repression of Governments and imperialist organizations.

The USB denounced the provocative event against the Union that was set up yesterday in Rome, with the police raiding the USB headquarters after “anonymous” but very detailed complaints about a hidden weapon, which was finally “discovered” submerged in a water toilet cistern!

According to the Union, just before 11 yesterday morning, carabinieri appeared at the USB headquarters in Rome, claiming that they were conducting a search for weapons, based on an “anonymous” telephone complaint.

The carabinieri entered the offices of USB without even a warrant, taking advantage of a corresponding opportunity given to them by the reactionary legislation of the Italian state. A “targeted” inspection of the offices followed, as the “anonymous informant” indicated to them exactly where they would look, in which cistern and in which toilet, of those intended for the public. A gun was found there, wrapped in cellophane and submerged in water …

USB responded with an immediate, massive press conference denouncing the provocation with the slogan “The only weapons USB uses are strikes, demands, demonstrations and struggles. We leave the weapons to those who love them, starting with the solid majority that fuels the war in Ukraine. “

At the same time, USB denounced the timing of this staged provocative incident, in the midst of the Union’s anti-war activities, such as the March 19 mobilization at Pisa Airport, where was attempted to send military equipment to Ukraine as “Humanitarian aid”, the strike and the protest in the port of Genoa on March 31, on the occasion of the arrival of the Saudi ship “Bahri”, which was loaded with American weapons.

The USB union initially noted that the union’s headquarters are open to the public on a daily basis, as are all USB offices. Definitely the last place to hide anything, let alone weapons. While also the union pointed out that the same media that systematically silence the militant initiatives of USB and the workers, now in a short time rushed to reproduce the directed “news” with the “hidden weapon” …

The international workers movement has extensive experience with attacks, provocations and the suppression of state and imperialist mechanisms. In Greece, too, during the great General Strike on April 6, by order of the Government, 8 protesters who took part in the mobilizations against the involvement of Greece in the imperialist war, were violently arrested.

We express our solidarity with the workers of Italy and the USB in their struggle against the imperialist war. We denounce the state repression, the tactics and mechanisms against the trade union organization and the action of the workers who are fighting against imperialism, for the rights and the life of the working class.

----------------------------------------------

LAB (Paesi Baschi)

Shortly before 11 a.m. yesterday morning, 6 April, a group of Carabinieri arrived to the national headquarters of USB, in Via dell’Aeroporto 129 in Rome, demanding to carry out an inspection in search of weapons, which had been reported by an anonymous caller earlier in the morning. According to the anonymous informant, the gun was in the toilet of the bathrooms and when the Carabinieri entered the bathrooms they found the gun there; badly wrapped in cellophane and submerged in water.

It is very clear to us that what has happened is nothing more than a very serious operation that, through manipulation, aims to criminalise the counter-power trade unionism that the USB represents. We are facing a very serious attack against the entire organisation and against thousands of workers, unemployed, precarious and homeless workers who support the organisation.

The only weapons of counter-power trade unionism are the trade union and social struggle and we are well aware that this type of counter-power trade unionism is a trade union model that confronts the established power. It is in this context that we place this operation against the Italian USB.

For all these reasons, LAB would like to express its most sincere solidarity and its full support with the comrades of the USB. Any attack against the comrades of the USB is an attack against class unionism and, therefore, also against our union.

----------------------------------------------

Pancyprian Federation of Labour – PEO (Cipro)

The Pancyprian Federation of Labour – PEO Cyprus condemns the police provocation against USB and the illegal entry to the organization’s offices after an “anonymous” complain for about hidden weapons.

We express our solidarity with the USB who always fights on the class-based principles and in the plain daylight against the wars, racism and exploitation and for the defense of the workers rights.

----------------------------------------------

Nakliyat-İş Union (Turchia)

Nakliyat-İş Union strongly condemns and demands an immediate end to the provocations implemented by the Italian Police Forces against USB Union.

The reason lying behind this kind of provocations against USB is obvious: USB represents the World Class Oriented Union Movement in Italy, follows a militant line in its struggle against the capitalist class and defends the rights of the Working Class of Italy.

As Nakliyat-İş Union we declare our unconditional support and solidarity with the leaders and cadres of USB Union.

No power can prevent the militant struggle of USB Union!

Nakliyat-İş

Trade Union of Revolutionary Workers of Land, Airway and Railway Workers of Turkey

----------------------------------------------

FSM Argentina

Toda nuestra solidaridad con la usb  ante la falsa acusación de un arma cuidadosamente guardada y  enunciada de manera anónima por teléfono a la Policía en su sede como dice el cartel en la concentración de ayer: nuestra única arma es la organización.

Fuerza compañerxs!

----------------------------------------------

Mohammad Yahya Secretary-General of the Trade Union Coalition - Palestine

Struggling comrades Italian USB union

Struggle salute and after

We in the trade union coalition in Palestine and in the name of the workers and unions of Palestine inform you that we strongly reject these bad movements by the government to place weapons inside the offices of our struggling union... which is considered one of the strongest European unions that struggle against all forms of global imperialism. And that your government wants you to stop your labor struggle and is trying to hinder your work and create more problems for you. However, we renew our confidence in you and your struggle and condemn and reject all these government schemes against our union, your union and your workers. We hope that this incident will be a strong point for you and a continuation of your labor class struggle. We are with you forever.

Long live the workers of Italy... Long live the union... Long live the Palestinian-Italian trade union friendship

----------------------------------------------

Ismael Parra, Southern California Chairperson, National Writers Union (NWU) USA

Brothers and sisters, comrades of the USB, you are not alone.

We all stand with you.

I am horrified that the state is attacking you by violating your offices using Italian police that are paid with the taxes of the Italian people.  I will share this information with my sister and brother union members.

In solidarity for a workers world.

----------------------------------------------

Igor Ryabushkin, Chairman of Trade Unions Federation of the Luhansk People's Republic 

Dear comrades!

On behalf of Trade Unions Federation of the Lugansk People's Republic we express our solidarity with the Unione Sindacale di Base!

We condemn the actions of Italian authorities and we claim the raid and the "finding" of weapons to be a provocation aimed to discredite the workers' union, which is fighting against the anti-people policy of the Italian authorities.

On behalf of Donbass people, we thank the leadership and all members of the Unione Sindacale di Base, an independent trade union, for organization of large-scale protests in the port of Genoa and the airport of Pisa against the use of Italian infrastructure for the transit of NATO weapons intended for shipment to Ukraine, which were transported there as “humanitarian aid”.

Our strength is in unity! We will win!

----------------------------------------------

Il sindacato è un’altra cosa (Opposizione CGIL)

A fianco di USB. Le uniche armi del sindacato sono le lotte sociali.
In queste ore la Confederazione sindacale USB ha dato notizia della perquisizione che sta avvenendo presso la propria sede nazionale da parte dei carabinieri. Cosa ancor più grave, la perquisizione sembrerebbe stia avvenendo secondo l’art. 4 della legge 152/1975, cioè senza l’autorizzazione di un magistrato ma per autonoma scelta delle forze dell’ordine, per “accertare l’eventuale possesso di armi, esplosivi e strumenti di effrazione, di persone il cui atteggiamento o la cui presenza, in relazione a specifiche e concrete circostanze di luogo e di tempo non appaiono giustificabili”.
E’ gravissimo che sia perquisita una sede sindacale, lo è ancor di più che questo avvenga per autonoma iniziativa di un reparto dell’esercito con compiti di forza pubblica, con una scusa francamente risibile se non grottesca. Proprio in queste settimane, mentre l’Italia sta inviando armi in Ucraina e decidendo un nuovo riarmo accelerato, in un clima bastardo di mobilitazione nazionale, non può rimanere senza risposta la scelta di una struttura dell’esercito nei confronti di un sindacato schierato contro la guerra.
Tutto questo, oltretutto, sta avvenendo proprio mentre più di tre milioni di lavoratori e lavoratrici del pubblico impiego stanno votando per le elezioni delle proprie rappresentanze sindacali, in questi tre giorni, in queste ore, dove in molte realtà sono state presentate proprio liste dell’USB.
La libertà sindacale non può esser messa in discussione: deve esser difesa, con forza e determinazione, da tutte e tutti, in primo luogo da tutte le organizzazioni sindacali. Per questo, proprio in queste ore, esprimiamo la nostra massima solidarietà a USB e chiediamo l’immediato intervento della CGIL, del Governo, del Parlamento e di tutte le forze politiche contro questo abuso.
Se colpiscono uno, colpiscono tutti/e.
#RiconquistiamoTutto area programmatica della CGIL

----------------------------------------------
Collettivo di Fabbrica GKN
La notizia secondo la quale i Carabinieri avrebbero fatto irruzione nella sede nazionale dell'USB (Unione Sindacale di Base) con il pretesto di cercare armi (per imprecisate segnalazioni telefoniche) è di una gravità inaudita. Per quanto ci riguarda è una violazione pari a quella perpetrata da Forza Nuova con l'attacco alla sede nazionale della CGIL di questo autunno. In entrambi i casi infatti si tratta di un attacco simbolico e devastante alla libertà di attività sindacale nel paese. Gli stessi attacchi che, sia chiaro, subiscono quotidianamente delegati o attivisti sindacali di questo paese, come ad esempio la sequela di misure contro il Si Cobas.
Nel caso specifico non può sfuggire a nessuno che l'accusa a un sindacato nazionale di "nascondere armi" in una sede nazionale è di una gravità tale che di solito si accompagna con indagini approfondite, verifiche accurate. Ma in questo caso invece si trattava e si tratta evidentemente di una perquisizione "bufala" il cui scopo non è avvalorare l'accusa ma intimidire chi riceve la presunta accusa. Diamo la massima solidarietà all'Unione Sindacale Di Base ma ci chiediamo anche per quanto il resto del movimento sindacale voglia voltare la testa dall'altra parte solo per il fatto che "oggi non tocca a me". #insorgiamo

----------------------------------------------

COBAS
SOLIDARIETA' A USB , FERMIAMO LE PROVOCAZIONI DEI CC E DEL GOVERNO DRAGHI
Condanniamo decisamente la provocazione in corso alla sede nazionale dell'USB con l'irruzione dei CC  "alla ricerca di armi" (addirittura, su segnalazione anonima).
Una decisione questa, vista l'assenza di qualsiasi richiesta da parte dell'Autorità Giudiziaria, che è difficile pensare risieda solo nella volontà dell'Arma dei Carabinieri , quanto invece indotta dal clima di guerra in cui il governo Draghi sta portandoci.
Ad ogni buon conto, il fatto è di una gravità inaudita, colpisce tutto il mondo sindacale e tutti coloro che combattono per i diritti, la democrazia e la pace.
Solidarietà all'USB e pieno impegno nella risposta adeguata a questo affronto.
NO PASARAN
Roma 6/4/22        COBAS LAVORO PRIVATO - CONFEDERAZIONE COBAS

----------------------------------------------
CLAP – Camere del Lavoro Autonomo e Precario
E' in corso in questo momento un vergognoso tentativo di perquisizione all'interno della sede nazionale dell' Unione Sindacale Di Base a Roma, a seguito di una presunta segnalazione telefonica che riporterebbe la presenza di armi all'interno dell'edificio
Non è in nessun modo accettabile un attacco simile a una sede sindacale, alimentando il clima di criminalizzazione nei confronti di chi, quotidianamente, si batte alla luce del sole in difesa di lavoratrici e lavoratori.
Esprimiamo massima solidarietà nei confronti di USB e siamo da subito mobilitati per qualunque iniziativa verrà organizzata per contrastare e denunciare questa azione intimidatoria.

----------------------------------------------
Si Cobas
Come Si Cobas ci uniamo alla denuncia pubblicata dall'Unione Sindacale Di Base a seguito della perquisizione dei Carabinieri nella loro sede in Via dell'Aereoporto a Roma "alla ricerca di armi" in seguito ad una segnalazione telefonica.
Esprimiamo solidarietà dinanzi questo atto infame e preoccupante verificatosi in una sede di lavoratori e lavoratrici.

----------------------------------------------

USI Unione Sindacale Italiana

USI CT&S Commercio Turismo e Servizi
Con un tempismo molto sospetto avviene quella che sembra una vera e propria provocazione ben orchestrata presso la sede nazionale, a Roma, del sindacato USB, che ha subito un'irruzione dei Carabinieri alla ricerca di armi.
Sembra proprio una macchinazione pretestuosa con lo scopo di delegittimare e criminalizzare chi come USB e il sindacalismo di base si batte contro l’aumento delle spese militari, in un contesto come quello attuale caratterizzato da una pervasiva campagna di guerra.
Una messa in scena ascrivibile alla lotta sindacale contro l’aumento delle spese militari che accrescono solo guerre e miseria per tutti i lavoratori nel mondo.
Il tutto s’inquadra in un clima più generale d’intimidazione e repressione nei confronti delle lotte sindacali a cui assistiamo negli ultimi anni in questo paese.
Esprimiamo la nostra solidarietà a USB.
No alle spese militari! No alla guerra!
Finanziamenti per la sanità pubblica e la ricerca!

----------------------------------------------

SIAL-Cobas

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà ai compagni e alle compagne dell'Usb, che hanno

dovuto subire una incredibile perquisizione dei Carabinieri nella loro sede nazionale a

Roma...alla ricerca di armi!

Riteniamo che si tratti di una provocazione deliberata, che va rispedita al mittente, organizzando in tutti i luoghi di lavoro il conflitto sociale per la difesa degli interessi dei lavoratori e delle lavoratrici, contro la guerra, e per il pieno esercizio dei diritti sindacali e delle libertà democratiche in questo Paese.

----------------------------------------------

COBAS SCUOLA SARDEGNA

I COBAS SCUOLA SARDEGNA esprimono la più totale solidarietà ai compagni ed amici dell'USB per l'incredibile e gravissima perquisizione subita in data odierna presso la loro sede nazionale di Roma.

E' inqualificabile e preoccupante che venga perquisita una sede sindacale (una SEDE SINDACALE), dai Carabinieri sulla base di una surreale segnalazione anonima che indicava la presenza di armi all'interno della sede dell'USB.

La perquisizione, oltretutto, pare sia stata effettuata senza l'autorizzazione dell'Autorità Giudiziaria sulla base del Testo Unico di Pubblica Sicurezza per la ricerca di armi, munizioni ed esplosivi.

Ricordiamo che i Carabinieri sono militari e dipendono funzionalmente dal Ministero della Difesa.

La perquisizione è stata effettuata ed i militi, pare a colpo sicuro, hanno ritrovato una pistola riposta dentro un cellophane nella vaschetta (sciacquone), di un bagno, ad uso pubblico, della sede sindacale.

Quanto accaduto appare una gravissima provocazione contro un'Organizzazione Sindacale come l'USB che si è schierata apertamente contro l'invio di armi da parte del Governo italiano nella guerra in corso in Ucraina.

Qualcuno dovrebbe spiegare per quale ragione i compagni dell'USB avrebbero dovuto nascondere una pistola (se di questo si tratta) dentro lo sciacquone di un bagno della propria sede nazionale.

I fatti odierni insultano la normale intelligenza!!!

Cui prodest?

Ribadiamo la nostra più totale solidarietà all'USB - Unione Sindacale di Base e siamo disponibili a partecipare a forme di protesta e di solidarietà contro questa gravissima e palese provocazione contro una Organizzazione Sindacale di lavoratori e lavoratrici da sempre schierata contro la guerra, le armi e le fabbriche di morte

per il coordinamento

dei COBAS SCUOLA SARDEGNA

Nicola Giua

----------------------------------------------

CUB

Mercoledì 6 aprile un gruppo di carabinieri si è presentato nella sede nazionale di USB pretendendo di perquisirla, senza mandato, alla ricerca di armi la cui presenza era stata annunciata da uno o più anonimi interlocutori telefonici. L’operazione ha portato al ritrovamento di una pistola nascosta nel luogo indicato dall’anonimo telefonista.

"Telefonata anonima, ricerca a colpo sicuro, ritrovamento di un’arma: Questi gli ingredienti di quella che appare come una provocazione, orchestrata ad arte, che si inserisce nel pericoloso clima di furore ideologico e di avversione al dissenso instaurato da tempo nel nostro Paese e sparso a piene mani dai giornali e dalle televisioni, in particolare dai media finanziati da grandi gruppi capitalistici o gestiti dai partiti al governo.

Ai compagni di USB va la nostra solidarietà, certi che sapranno smascherare questa incredibile montatura; agli apparati repressivi diciamo che dopo gli attacchi di vigilantes e polizia ai picchetti e alle manifestazioni operaie e studentesche non pensavamo di assistere al salto rappresentato da questo goffo tentativo di criminalizzare un’organizzazione sindacale conflittuale.

Ogni organizzazione sindacale di base, in quanto parte dell’opposizione sociale alle politiche neoliberiste portate avanti da tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi trent’anni, sa di essere costantemente oggetto delle attenzioni dell’apparato repressivo dello Stato ma quanto sta avvenendo segna una svolta che tutto il sindacalismo di base deve saper cogliere per moltiplicare gli sforzi unitari e rendere ancora più efficace l’azione comune in difesa dei reali interessi delle classi sociali oppresse". 

----------------------------------------------

Cobas Scuola Cagliari

Abbiamo appreso, con sgomento e preoccupazione, che ieri mattina, 6 aprile, la sede dell’USB di Roma, in via dell’Aeroporto, è stata oggetto di una perquisizione dei carabinieri, che, senza mandato del giudice, sarebbero entrati alla ricerca di armi, sulla base di una telefonata anonima, cui pure potevano tranquillamente non dar seguito.

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà al sindacato USB che si sta coraggiosamente battendo per fare uscire dal silenzio lo sfruttamento e la precarietà di disoccupati e lavoratori del settore privato, e per denunciare l’abbandono e i tagli da parte dello stato in comparti cruciali, come la funzione pubblica e la sanità.

Un sindacato di base che per le sue lotte dà evidentemente fastidio a molti, incluso il coro governativo che preme per l’aumento delle spese militari a costo di ulteriori feroci tagli nei servizi pubblici.

Ricordiamo che recentemente sono stati proprio dei lavoratori dell’USB nell’aeroporto di Pisa a contestare  e impedire l’invio di armi camuffate da aiuti umanitari destinate all’Ucraina, rendendo pubblica una delle pericolose operazioni che stanno avvenendo sottobanco e che minacciano un’escalation del conflitto in Ucraina.

Anche da questo episodio emerge chiaramente che l’USB non ripone certo la forza della sua lotta nelle armi ma nella forza dei diritti di lavoratori e disoccupati.

L’assurda perquisizione avvenuta stamattina costituisce un’intimidazione volta anche a sminuire

l’immagine pubblica dell’USB, e di tutti coloro che si battono per difendere i diritti nel mondo del lavoro, tra l’altro in un momento in cui sono in corso le elezioni delle RSU nei luoghi di lavoro.

Come Cobas Scuola Cagliari esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza all’USB, continuando ad andare avanti nella battaglia che abbiamo assunto come sindacato di base.

Cagliari, 6.IV.2022                                                                                                   Cobas Scuola Cagliari

----------------------------------------------

'Democrazia e Lavoro' CGIL

L’organizzazione sindacale è uno strumento di democrazia di rango costituzionale e di impronta antifascista.

La perquisizione della sede nazionale del Sindacato Usb genera sdegno ed il nostro sentimento dì solidarietà nei confronti delle compagne e dei compagni dell’Unione dì Base è totale e senza riserve.

Una perquisizione condotta dalle Forze di Polizia è del tutto un atto dì matrice liberticida e antidemocratica; questa iniziativa non si può tollerare e auspichiamo che venga fatta chiarezza sui fatti.

Un atto dì questa fattura ci riporta alla mente periodi storici che pensavamo dì avere cancellato e siamo a fianco dell’Usb manifestando nei confronti di questo atto dì lesione delle prerogative sindacali e del diritto delle lavoratrici e dei lavoratori di organizzarsi per la difesa delle proprie condizioni dì lavoro la nostra più severa critica. A Usb tutta la nostra vicinanza e fratellanza sindacale.

Le perquisizioni e gli atti dì violazione delle sedi sindacali non possono essere accettate.

----------------------------------------------

operai/cigs ex ilva slai cobas per il sindacato di classe
Siamo solidali contro la repressione e rispondiamo unitariamente. E' palese che ci sia un'acutizzazione della repressione verso i lavoratori in atto, siamo in una nuova e ben peggiore fase dello scontro tra padroni e sfruttati.
C'è forse un fattore positivo in tutto questo, secondo noi, nonostante tutto, lo scontro è destinato a durare e non si potrà concludere con la sottomissione completa della classe operaia, verrebbe meno il principio sul quale si basa la società capitalista immagino, essa potrà terminare solo quando il proletariato imporrà una nuova società.
lorenzo semeraro x operai /cigs ex ilva slai cobas per il sindacato di classe

----------------------------------------------

ADL Cobas

Denunciamo con forza il pericoloso tentativo di intimdazione in atto alla sede nazionale della USB dove i Carabinieri pretendono di effettuare una perquisizione "alla ricerca di armi" in seguito ad una segnalazione telefonica.

Giù le mani dalle sedi sindacali!

----------------------------------------------

ADL VARESE

PERQUISITA LA SEDE NAZIONALE DI USB VOGLIONO COLPIRE LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CONFLITTUALI! Il 6 aprile i carabinieri hanno preteso di perquisire la sede nazionale di USB a Roma, senza un mandato, alla ricerca di un’arma la cui presenza era stata “annunciata” da messaggi e telefonate anonime. L’operazione ha portato al ritrovamento di una pistola nascosta nel luogo indicato dall’anonimo telefonista: la cassetta dell’acqua di un bagno aperto al pubblico. Tutta la vicenda ha del surreale, un goffo tentativo di criminalizzare un sindacato di base conflittuale: una provocazione costruita ad arte, che è solo l’ultimo di episodi che fanno parte di un clima ideologico e politico che non ammette il dissenso “al pensiero unico” instaurato nel nostro Paese, sostenuto da una informazione legata e finanziata dai grandi gruppi capitalistici o da parte della politica. A tutta USB va la nostra vicinanza e la nostra solidarietà, certi che dimostreranno la non veridicità di questa incredibile vicenda, atta a limitare e intimidire le lotte di organizzazioni sindacali conflittuali. Mai come ora, tutto il sindacalismo di base conflittuale deve saper interpretare il momento storico politico: intensificare le iniziative unitarie e procedere compatti verso una azione comune e più efficace in difesa dei reali interessi dei lavoratori e dei gruppi sociali oppressi. Gallarate, 7 aprile 2022 La Segreteria ADL VARESE

----------------------------------------------

AP - Associazione Piloti

Siamo venuti a conoscenza tramite comunicato stampa del ritrovamento, su indicazione anonima, di un'arma nascosta nei bagni aperti al pubblico della sede romana di USB.

AP - Associazione Piloti non può che esprimere solidarietà ad USB e sdegno nei confronti di chi ha verosimilmente organizzato questa farsa.

Ci auguriamo che la magistratura possa identificare i responsabili, cui verrà ovviamente chiesto conto delle proprie azioni e confermare l’estraneità di USB, sindacato con il quale abbiamo condiviso e condividiamo da anni la difesa dei lavoratori del trasporto aereo italiano, lontani dalle logiche di comodo che hanno distrutto questo settore.

----------------------------------------------

NURSIND

La scrivente O.S. esprime la vicinanza e solidarietà all’organizzazione sindacale USB nella tutela dei sacri valori costituzionali relativi alla libertà sindacale.
Pensiamo che il rispetto di tali valori costituzionali non debba mai essere messo in discussione e che il tutto rimanga sempre nell’ambito della democrazia e dei principi costituzionali della nostra repubblica.

 Il Segretario Provinciale
 Stefano Barone

----------------------------------------------

ULS- Unione Lavoratori Sanità
Il Direttivo Nazionale ULS- Unione Lavoratori Sanità, sindacato autonomo e di base che non riceve alcun finanziamento da pubblici e privati, appreso dell’increscioso accaduto verificatosi nella sede sindacale USB nella giornata di ieri vuole esprimere la propria ferma e indiscussa solidarietà alla vostra O.S., vittima a nostro parere di un attacco strutturato a chi non si adegua ai diktat governativi.

La pistola nello sciacquone del bagno, anche se ritrovata dal carabiniere, suscita un non so che di artificioso e preordinato,va inquadrata con le posizioni antisistema bancario e capitalistico che il sindacalismo di base assume a difesa delle classi più deboli e che, fisiologicamente, sono sotto il mirino della delegittimazione in ogni momento. Ovviamente la presenza di un arma all’interno di una sede sindacale pone in secondo piano gli obiettivi della lotta e delle rivendicazioni.

Ciò riteniamo sia un pericolosissimo precedente che dovrebbe far riflettere tutto il mondo sindacale, tranne i soliti governativi filo padronali, e che porterà nel futuro prossimo ad altrettante azioni di discredito, volte a uniformare il pensiero sindacale sul tema “o ti adegui o ti adegui”.

Con questo semplice messaggio ribadiamo la nostra vicinanza come sindacato di base per il colpo sferrato dai soliti ignoti, ripreso tra l’altro molto solertemente dai più importanti media, verso le poche voci fuori dal coro.

----------------------------------------------

SISA – Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente

Care compagne e cari compagni dell’USB,

A nome del coordinamento nazionale del SISA – Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente e di tutte le nostre e i nostri iscritti e simpatizzanti manifestiamo sincera solidarietà contro la vile provocazione messa in atto truffaldinamente presso la vostra sede nazionale di via dell’Aeroporto a Roma, in cui ci siamo incontrati nel 2007 alla nascita della nostra organizzazione, nella giornata del 6 aprile 2022.

Il vostro lavoro sindacale e per la pace, contro l’invio di armi negli scenari di guerra, è esempio per quanti, come noi nella scuola, immaginano importante costruire un futuro partecipato e fondato sull’uguaglianza.

Buon lavoro, con la certezza che la vostra azione è più forte e più concreta di ogni provocazione.

----------------------------------------------

ORSA TPL

Ancora non si sono concluse le indagini riguardo l'irruzione di ieri alla sede del sindacato USB. E con ogni probabilità non si concluderanno mai visto l'anonimato della segnalazione e il ritrovamento fin troppo rocambolesco di un'arma in un bagno aperto al pubblico.

Ciò che però sappiamo con certezza è chi sono i colleghi dell'USB, coi quali combattiamo fianco a fianco da anni per i diritti dei lavoratori, senza scendere acompromessi.

E sappiamo con certezza che le pistole non fanno parte dei nostri strumenti: le nostre uniche armi sono le lotte, gli scioperi e le vertenze.

Esprimiamo massima solidarietà agli amici e colleghi di USB in merito agli accadimenti di ieri.

La Segreteria di ORSA TPL Lazio

----------------------------------------------

Union-Net

A USB va la nostra solidarietà totale per la gravissima provocazione subita con un’arma con la matricola abrasa abbandonata nello sciacquone di un bagno aperto ai visitatori della sede nazionale romana.

Le armi più efficaci dei lavoratori sono oggi i sindacati conflittuali e non sono necessarie altre armi che l’unità sindacale, ma evidentemente a qualcuno tutto ciò non piace, così ieri a seguito di tre brevi telefonate anonime è stata fatta trovare una pistola calibro 22 nella sede nazionale del sindacato, frequentata ogni giorno da centinaia di persone in cerca di tutela.

I pronti messaggi di solidarietà e la presenza pacifica alla conferenza stampa di molte delle altre organizzazioni sindacali conflittuali sono un segno tangibile del metodo di reazione ad una simile aggressione, non con atti di violenza ma con la vicinanza che sempre si dovrebbe avere tra sindacati conflittuali e che con lo sciopero generale e la manifestazione nazionale unitaria dell’11 ottobre 2021 hanno avviato un percorso di unità di intenti ed azioni che auspichiamo irreversibile.

Atti di questo tipo, con l’utilizzo di strumenti simbolo di quelle guerre che proprio il sindacalismo di base tutto rifiuta con forza, bloccando persino le partenze di armi dai nostri porti ed aeroporti, puntano a screditare organizzazioni che al contrario lottano per la pace, l’emancipazione dei lavoratori e la loro dignità sul posto di lavoro.

Ci appelliamo, quindi, a tutte le organizzazioni sindacali affinché l’unità e la solidarietà sindacale per un sindacalismo che veda le bandiere al servizio dei lavoratori e della società e non i lavoratori al servizio delle bandiere non sia solo formale ed estemporanea, ma effettiva e duratura, la posta in gioco non è solo il diritto ad organizzare liberamente il sindacalismo conflittuale in questo paese, ma anche il futuro del lavoro stesso e della società moderna che senza di esso sarebbe in balia della schiavizzazione sempre più spinta da parte di datori di lavoro sempre più distanti, anche fisicamente, dalla vita dei propri dipendenti.

Il sindacato conflittuale è di per sé un’arma, il sindacalismo conflittuale unito l’arma più potente, il posto giusto delle altre armi è lo scarico dei bagni.

----------------------------------------------

COBAS Sanità Università Ricerca

Quando il capitalismo, il patriarcato, i fascisti e i guerrafondai, diventano i gestori della" pace", tutti coloro che lottano contro lo sfruttamento, le

ingiustizie, le disuguaglianze, le illegalità trasformate in "normalità", diventano i loro nemici e viene messo in atto, senza vergogna, qualsiasi

strumento nel tentativo di annientarli.

Come cobas Sanità Università e Ricerca ci uniamo alla denuncia delle compagne e compagni dell'USB per la subdola e mirata perquisizione

nella loro sede a Roma in via dell'aeroporto. Siamo uniti e solidali per smascherare questa evidente e vergognosa provocazione.

Chi tocca uno/una, tocca tutti e tutte.

----------------------------------------------

Cobas Spallanzani

Solidarietà senza se e senza ma alle compagne e compagni dell’USB colpite/i dalla vile provocazione messa in atto, servendosi dell’infame Art.4 della Legge 152/1975.

----------------------------------------------

Collettivo Union.net

Coordinamento Lavoratori e Lavoratrici Autoconvocati/e (CLA) per l’unità della classe

COSTRUIRE LA MOBILITAZIONE UNITARIA DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE CONTRO LA GUERRA

RESPINGERE GLI ATTACCHI REPRESSIVI ALLE ORGANIZZAZIONI DELLA CLASSE LAVORATRICE

Ieri mattina i carabinieri hanno fatto irruzione nella sede nazionale dell’Unione Sindacale di Base. Non hanno avuto bisogno del mandato perché intervenivano per una telefonata anonima sulla presenza di armi. A colpo sicuro hanno trovato una pistola nel cassetto del water.

I vecchi metodi per colpire le organizzazioni di lotta dei lavoratori sono grotteschi ma se, e quando, il regime politico della classe dominante vi ricorre, è perché li ritiene efficaci. Questa acchinazione colpisce l’Usb ma va oltre: colpire il sindacalismo conflittuale!

È di due settimane fa l’avvio dell’inchiesta da parte della Procura di Bologna contro dirigenti e militanti del SI Cobas con l’accusa di estorsione verso alcune aziende. Accusa avanzata anche negli anni scorsi - poi caduta nel nulla - prima dalla procura di Modena, poi di Piacenza.

Azioni intimidatorie e repressive da inquadrare nel clima politico che il regime padronale in ogni paese vuole imporre alla classe lavoratrice, affinché sia questa a pagare il prezzo della guerra, preparandola ad accettare, senza contrapporsi, a combattere e a versare il proprio sangue, in un domani non lontano, nella guerra fra Stati capitalisti per i loro interessi.

QUESTE AZIONI INTIMIDATORIE CONFERMANO QUANTO SIA URGENTE E NECESSARIA LA RISPOSTA UNITARIA DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE CONTRO LA GUERRA, CONTRO LE CONSEGUENZE SULLA CLASSE LAVORATRICE, A DIFESA DELLE LIBERTÀ, POLITICHE E SINDACALI, DEI LAVORATORI E DELLE PROPRIE ORGANIZZAZIONI.

Questo percorso unitario deve essere intrapreso senza perdere tempo, recuperando lo spirito che aveva condotto allo sciopero generale dell’11 ottobre scorso e la prossima occasione pratica è l’ASSEMBLEA NAZIONALE SABATO 9 APRILE A MILANO - “Verso lo sciopero generale e sociale. Contro la guerra e l’economia di guerra” - promossa da diversi sindacati di base.

Gli organismi sindacali conflittuali dovrebbero parteciparvi, inviando delegazioni, per una risposta unitaria alla guerra e alle conseguenze economiche e repressive contro i lavoratori.

PER L’UNITÀ DI LOTTA DEI LAVORATORI, DELLE REALTÀ DI BASE E DEL SINDACALISMO CONFLITTUALE !

----------------------------------------------

Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali - FISI

La Federazione Italiana sindacati intercategoriali esprime solidarietà al sindacato USB, e una seria preoccupazione per le strane attenzioni di cui è fatto oggetto.

Il 6 aprile la sede del sindacato USB è stata perquisita dai carabinieri, in cerca di armi.

Certamente le forze dell'ordine avranno agito nel pieno rispetto del loro mandato costituzionale, ma non possiamo non porci una domanda.

Un sindacato che, così come il nostro, si oppone alla follia bellica e guerrafondaia del governo, viene subito fatto oggetto di strane soffiate e immediate perquisizioni. Perché?

Il governo sembra volerci illudere di un abbassamento delle tensioni sociali e politiche conseguenti alla sospensione dei diritti umani e costituzionali nel Paese: ora occorre vigilare più che mai su una sotterranea strategia della tensione che non è mai stata abbandonata, e che prende regolarmente di mira l'area del dissenso, saggiandone il "movimento ondulatorio".

Esprimiamo solidarietà e vicinanza agli amici della USB, attenzionati non appena si sono esposti apertamente contro la guerra e contro l'invio illegale di armi.

Speriamo che gli amici di USB comprendano che occorre battersi insieme anche per la smilitarizzazione della società, che ha come fondamento la sospensione del diritto, gli obblighi farmacologici, il lasciapassare detto Green Pass.

Dalla militarizzazione della società alla militarizzazione degli Stati e alle guerre il passo è breve.

----------------------------------------------

Cambiare Rotta - OSA

GRAVISSIMA INTIMIDAZIONE CONTRO L'UNIONE SINDACALE DI BASE: PERQUISIZIONE SENZA MANDATO PER DETENZIONE D'ARMI
Stamattina i carabinieri si sono presentati alla sede nazionale di USB in via dell'Aeroporto a Roma per effettuare senza mandato una perquisizione per detenzione di armi, sulla base di presunte segnalazioni telefoniche.
Siamo davanti a un fatto gravissimo e senza precedenti che ha lo scopo chiarissimo di tentare di intimidire chi porta avanti percorsi di conflittualità in questo paese.
Il clima di guerra instaurato dal governo Draghi non si può permettere alcun dissenso e si sta già accompagnando a una torsione repressiva e di restringimento dell'agibilità democratica.
Oltre alle tante battaglie sui posti di lavoro, al boicottaggio del traporto d'armi dei lavoratori di Pisa e dei portuali di Genova, l'USB sta portando avanti un percorso di mobilitazione generale dei settori più conflittuali del lavoro contro guerra e politiche antipopolari del governo, che convergerà a Roma il 22 aprile per lo sciopero e la manifestazione nazionale al fianco di noi studenti.
Se pensano di mettere a tacere il dissenso e arginare le lotte con atti di intimidazione come questo si sbagliano, ci invitano al contrario a lottare con ancora maggior determinazione sapendo che stiamo dalla parte e nella direzione giusta.

----------------------------------------------

LUME - Laboratorio Universitario MEtropolitano

Assistiamo all'ennesimo attacco nei confronti di chi costruisce lotte sociali e sindacali dal basso nei luoghi di lavoro.

Unione Sindacale Di Base è il sindacato dei lavoratori che ha denunciato a Pisa le armi inviate su voli civili e dei portuali di Genova che rifiutavano il supporto di armamenti.

Tutta la nostra solidarietà a chi in questa mattinata ha subito un atto intimidatorio da parte delle forze dell'ordine che hanno perquisito la sede del sindacato.

----------------------------------------------

Rete della Conoscenza
Stamattina i Carabinieri di Roma hanno effettuato una perquisizione nella sede nazionale dell'USB con il pretesto assurdo di "ricercare armi" a seguito di segnalazioni anonime.
Riteniamo un atto gravissimo la perquisizione di una sede sindacale sempre e comunque ma soprattutto in un periodo nel quale il lavoro è sotto attacco da parte di governo e Confindustria, con il mondo sindacale che negli scorsi mesi ha risposto con scioperi e manifestazioni in piazza e nelle fabbriche.
Per questo la nostra solidarietà va all3 compagn3 dell'USB

----------------------------------------------

EX OPG Je so’ pazzo

GRAVISSIMA PROVOCAZIONE DEI CARABINIERI DEL GOVERNO DRAGHI CONTRO L’USB E TUTTO IL MONDO DEL LAVORO!

Poco fa i Carabinieri sono entrati nella sede nazionale dell’USB con la pretesa di perquisirla in cerca di armi. L'azione sarebbe partita dopo una segnalazione anonima.

Quella ai danni dell’USB è una provocazione senza precedenti, che ci dà conto del clima intimidatorio e guerrafondaio istituito dal Governo Draghi e da quasi tutte le forze dell'arco parlamentare, nel quale devono farsi strada oggi le lotte sociali.

La nostra solidarietà va ai compagni in via dell'Aeroporto, contro questo governo che mentre ci porta in guerra distrugge la democrazia!

----------------------------------------------

CSA Astra

Massima solidarietá a tutta l’Unione Sindacale di Base

Nel giorno delle elezioni delle RSU una provocazione che sa di minaccia contro chi ogni giorno è schierato a difesa dei lavoratori e delle lavoratrici.

MASSIMA SOLIDARIETÁ e MASSIMA VIGILANZA.

----------------------------------------------

Centro Sociale La Strada

Assistiamo all'ennesimo attacco nei confronti di chi costruisce lotte sociali e sindacali dal basso nei luoghi di lavoro.

Tutta la nostra solidarietà nei confronti di USB, che in questa mattinata ha subito un atto intimidatorio gravissimo da parte delle forze dell'ordine, che hanno perquisito la sede del sindacato in quella che è una chiara provocazione.

----------------------------------------------

Laboratorio Politico Iskra

GIÙ LE MANI DALL’USB!

GIÙ LE MANI DAI SINDACATI COMBATTIVI!

Stamattina i carabinieri si sono presentati alla sede nazionale di USB a Roma per effettuare, senza mandato, una perquisizione per detenzione di armi sulla base di presunte segnalazioni telefoniche.

Multe, fogli di via, teoremi giudiziari, perquisizioni, avvisi orali: gli attacchi nei confronti dei sindacati combattivi si moltiplicano, diventando sempre più violenti.

In tempi di guerra anche il “nemico interno” va messo a tacere.

Esprimiamo solidarietà dinanzi questo atto infame e preoccupante verificatosi in una sede di lavoratori e lavoratrici.

Rafforziamo la capacità di fare fronte unico dinanzi a questa ennesima escalation imperialista e a chi sta utilizzando anche la guerra per aumentare i propri profitti.

Lottiamo uniti/e contro la repressione!

Continuiamo a far tremare governo e sfruttatori!

----------------------------------------------

Partiti e attivisti latinoamericani in Italia

I rappresentanti dei partiti politici e attivisti politici della comunità latino americana, residenti in Italia, dopo aver visto il teatro montato per macchiare la reputazione dell’Unione Sindacale di Base, si unisce per mostrare la sua solidarietà e condannare questi atti ignobili.

Condanniamo ogni azione occulta di traffico di armi, mascherata da aiuto umanitario, e chiediamo di rispettare l'articolo 11 della Costituzione italiana.

Tutti questi atti sono intimidatori e inventati per reprimere la libertà di parola e di azione sindacale e politica, evidentemente scomoda in tempi di guerra, perciò invitiamo tutta la comunità extra UE a partecipare alla grande manifestazione organizzata dall’USB il 22/04/2022.

"Giù le mani da USB"

Pacto histórico Italia

Polo Democrático Alternativo Italia Perú

Libre Base Roma

Gabriel Caisaletín Attivista Sociale e Politico - Ecuador

Abel Castillo Attivista Culturale e Politico - Perù

Marcela Cruz Sportello Sociale 49 - El Salvador

FOPEX - Peruanos en el exterior Italia – Europa

Professore Carlos Salazar docente universitario Italo-Peruviano

Elsa Cecilia Robles Attivista Sociale e Politica-Ecuador

Betty Montero Attivista Sociale e Politica-Ecuador

----------------------------------------------
Franco Russo
Completa, totale solidarietà contro una provocazione di cui siete vittime; la criminalizzazione di un sindacato, per di più democratico e conflittuale, è il segno manifesto della degenerazione autoritaria delle istituzioni  e del governo. In tempi di guerra non si vogliono udire le voci libere e indipendenti che chiedono pace e l’invio di forze di interposizione e non di armi; in tempi di riorganizzazione complessiva delle produzioni e degli assetti sociali non si vuole che forze sindacali possano attivare l’opposizione alle scelte antipopolari e guerrafondaie delle classi dirigenti, italiane e dell’Unione Europea.
Un caloroso saluto

----------------------------------------------
Potere al Popolo
GRAVISSIMA PROVOCAZIONE DEI CARABINIERI DEL GOVERNO DRAGHI contro la #USB e tutto il mondo del lavoro.
In questo momento, i Carabinieri sono alla sede nazionale di USB con la pretesa di perquisirla in cerca di armi. L'azione sarebbe partita dopo una segnalazione anonima. In questo momento in via dell'Aeroporto sono arrivate anche le parlamentari di ManifestA.
Quella ai danni di USB è una provocazione senza precedenti nella storia della repubblica, che ci da conto del clima intimidatorio e guerrafondaio istituito dal Governo Draghi e da quasi tutte le forze dell'arco parlamentare, nel quale devono farsi strada oggi le lotte sociali.
La nostra solidarietà va ai compagni in via dell'Aeroporto, contro questo governo che mentre ci porta in guerra distrugge la democrazia.

----------------------------------------------
Maurizio Acerbo e Giovanni Russo Spena (PRC)
Denunciano con enorme sconcerto che è in corso in questo momento una perquisizione dei carabinieri nella sede nazionale dell'Unione Sindacale di Base a Roma.
Secondo quanto riferitomi dai compagni del sindacato i carabinieri starebbero perquisendo i locali alla ricerca di fantomatiche armi.
Si tratta di un fatto grave che riporta la memoria alle pagine più nere della nostra storia.
La libertà di organizzazione sindacale è un caposaldo della democrazia costituzionale.
È inaccettabile che un'organizzazione di lavoratrici e lavoratori che ha sempre agito alla luce del sole sia oggetto di un tentativo di criminalizzazione.
Siamo arrivati all'intimidazione dell'opposizione sociale mentre il parlamento è quasi unanime nel sostegno al governo Draghi e alla guerra?
Mentre governo e parlamento aumentano spese militari e tolgono pure l'iva sul commercio di armi i carabinieri cercano le armi nella sede di un sindacato che si è schierato contro.
Criminali e armi sono altrove.
Solidarietà a USB da Rifondazione Comunista.

----------------------------------------------

Luigi De Magistris

“Esprimo vicinanza e solidarietà al sindacato USB con riferimento alla perquisizione eseguita dai carabinieri nella giornata di ieri.

Intendo testimoniare come sindacalisti, lavoratrici e lavoratori dell’USB sono sempre in prima linea per l’attuazione dei diritti costituzionali, la giustizia sociale, l’uguaglianza e la solidarietà.

Si può constatare come negli ultimi tempi forte è stata l’opposizione sociale della USB nei confronti delle politiche del Governo Draghi e netto il suo schieramento nel fronte pacifista contro la guerra, l’invio delle armi e l’aumento delle spese militari.

Auspico che la magistratura, nella sua autonomia e indipendenza, possa fare luce su un episodio che appare anomalo e che oggettivamente danneggia e rischia di delegittimare un sindacato che rappresenta un presidio democratico nel nostro Paese.”

Lo afferma in una nota Luigi de Magistris

----------------------------------------------

Rete dei Comunisti

Questa mattina i carabinieri hanno portato a compimento una evidente provocazione contro il più grande sindacato conflittuale esistente oggi nel paese.

Lo scopo di questa operazione appare evidente: tentare di screditare e mettere in difficoltà l’intensa attività di USB su tutti i terreni del conflitto presenti oggi in Italia.

Il clima del paese è di guerra, a causa delle scellerate scelte del governo Draghi di invio di armi all’Ucraina, di aumento delle spese militari che graveranno sulla vita delle maggioranze, di protagonismo bellico in uno scenario pericolosissimo per la pace nel mondo.

L’Unione Sindacale di Base in queste settimane si e’ mobilitata contro l’invio di armi nello scenario ucraino, dall’aeroporto civile di Pisa, nascoste in voli “umanitari” e dal porto di Genova, attraverso navi inviate negli scenari bellici mediorientali. In questi casi non abbiamo visto le forze dell’ordine inviate a perquisire aerei e imbarcazioni.

Un Sindacato che evidentemente fa paura al potere costituito, perché mette concretamente i bastoni tra le ruote di queste politiche guerrafondaie e anti popolari, come continuerà a fare con lo sciopero operaio del prossimo 22 aprile.

La Rete dei Comunisti è al fianco di USB e si mette a disposizione per ogni iniziativa finalizzata a difendere la sua agibilità sindacale.

----------------------------------------------
Partito Comunista dei Lavoratori
Il Partito Comunista dei Lavoratori dichiara la propria solidarietà con il sindacato USB contro la provocazione di cui è stato oggetto.
La perquisizione stamane della sede nazionale di USB a Roma da parte dei carabinieri “alla ricerca di armi” è un fatto inaudito, tanto più se avvenuto, come sembra, sulla base di una segnalazione anonima. È il riflesso paradossale di un'isteria da clima di guerra che accompagna i piani di riarmo dell'imperialismo italiano e della NATO dopo l'invasione dell'Ucraina da parte dell'imperialismo russo, piani di riarmo oggi approvati in Parlamento dalla totalità dei partiti borghesi a sostegno dell'unità nazionale attorno a Draghi.
Contro la campagna bellicista dell'imperialismo di casa nostra, contro la militarizzazione dell'opinione pubblica, denunciamo questa azione dei Carabinieri come un gravissimo precedente, di cui chiamare a rispondere il Ministro degli Interni.
Giù le mani dal sindacato!
Crediamo importante la solidarietà unitaria e collettiva a USB da parte di tutte le sinistre politiche e sindacali.

----------------------------------------------

Sinistra Anticapitalista

Abbiamo da sempre conosciuto l’Usb come l’organizzazione sindacale sempre presente nelle piazze e nelle assemblee, armata di scioperi e conflitto per la difesa delle lavoratrici e dei lavoratori.

Oggi i carabinieri, con un grave atto di intimidazione e repressione, senza nemmeno un mandato del magistrato, sono entrati nella sede nazionale dell’USB alla ricerca di armi, per la segnalazione di telefonate anonime e hanno trovato una pistola in un bagno accessibile a tutti.

Si tenta di vietare ogni forma di dissenso contro questo governo che pensa al riarmo e alla defiscalizzazione per i produttori di armi.

Sinistra Anticapitalista esprime tutta la propria solidarietà e sostegno contro questo atto buio di repressione nei confronti di un sindacato conflittuale.

La direzione nazionale di Sinistra Anticapitalista

----------------------------------------------

Emanuele Dessì Partito Comunista

(Interrogazione al Ministro degli Interni)

Al Ministro dell’Interno

Premesso che

notizie di stampa riferiscono che nella mattinata di ieri, 6 aprile 2022, i carabinieri hanno provveduto ad effettuare una perquisizione all’interno dei locali della sede nazionale dell’Unione sindacale di base (USB), a Roma in via dell’Aeroporto, a seguito di una telefonata anonima, che segnalava la presenza di un’arma all’interno dei locali; le due pattuglie di carabinieri intervenute, rinvenivano immediatamente, all’interno di uno dei bagni, una pistola, esattamente nel posto indicato dalla segnalazione anonima; l’arma veniva rinvenuta nella cassetta dell’acqua dello scarico in un bagno riservato al pubblico, pare per ciò evidente, che colui che ha effettuato la segnalazione, o è un “curioso” che va ad infilare le mani negli sciacquoni dei bagni o è lui stesso l’autore del posizionamento dell’arma; in considerazione della “precisissima” segnalazione ricevuta dalle forze dell’ordine, appare singolare che si sia proceduto all’inutile perquisizione della sede sindacale e non si siano, invece, immediatamente concentrate le indagini sul soggetto che ha effettuato la telefonata anonima; l’Unione Sindacale di base ha ritenuto l’irruzione dei carabinieri una provocazione e con una nota pubblicata subito dopo l’increscioso evento ha denunciato con forza “l’inaudita irruzione dei carabinieri”, “la chiara ed evidente macchinazione contro un sindacato conflittuale, una messa in scena che fa a comodo a molti, troppi”, con l’evidente intento di “screditare un’intera organizzazione e le moltitudini di lavoratori, disoccupati, di precari, di senza casa che la supportano”;l’episodio sopra richiamato, appare grave. Esso sembra, ricordando nelle modalità tanti fatti accaduti nel passato, la classica costruzione di una falsità, atta a criminalizzare ed a intimorire un sindacato che in questa fase, insieme ad altri partiti e movimenti della società civile, lottano contro la guerra a favore della vera pace e si sono apertamente schierati contro l’invio delle armi in Ucraina; a parere dell’interrogante, considerati i fatti riferiti, al fine di scongiurare la creazione di un pericoloso clima di tensione, occorre fare piena luce su quanto accaduto,

Tutto quanto sopra premesso, si chiede di sapere

se la Ministra dell'Interno sia a conoscenza dei fatti in premessa descritti e se e come intenda attivarsi, per quanto di competenza, per raccogliere ogni elemento e informazione utile a comprendere a pieno la vicenda.

----------------------------------------------

Partito Comunista Italiano

Massima solidarietà, da parte del PCI, ai militanti e ai delegati USB colpiti oggi da un inaudita operazione repressiva da parte dello Stato.

----------------------------------------------

Mino Borraccino

Conosco da anni i dirigenti sindacali dell’USB a Taranto, in Puglia e a Roma e so bene quali siano i valori che animano da anni la loro azione sindacale in difesa dei più deboli.

Per questo motivo, dopo i fatti di ieri, ci metto la faccia, in segno di vicinanza!

Vi racconto cos’è accaduto ieri, nella sede romana del sindacato. In breve: una precisa denuncia telefonica, una perquisizione a colpo sicuro, una pistola che salta fuori dallo scarico di un water!

Insomma è chiaro l’intento di infangare il sindacato USB, posizionando ad arte una pistola nello scarico del water. Come hanno giustamente scritto a caldo,  i dirigenti romani del sindacato di base, le sole armi che possiede l’USB sono gli scioperi e le mobilitazioni. Giustamente le forze dell’ordine sono andate a colpo sicuro. L’anonimo segnalatore ha indicato, con più telefonate, dove trovare “le armi”: lo scarico di un water, “quello” scarico di “quel” water nei bagni riservati al pubblico maschile e così è saltata  fuori una pistola malamente avvolta nel cellophane e immersa nell’acqua.

USB giustamente denuncia la chiara ed evidente macchinazione contro un sindacato conflittuale, una messa in scena che fa comodo al “sistema”. I locali dell’USB di Roma sono quotidianamente aperti al pubblico, come tutte le sedi USB. Di certo si vuole tentare di screditare un’intera organizzazione e le moltitudini di lavoratori, di disoccupati, di precari, di senza casa che la supportano.

Sono vicino ai compagni e alle compagne dell’USB esprimendo piena solidarietà!

----------------------------------------------

Marco Cacciatore

Solidarietà all'USB, vittima di un tentativo di criminalizzazione tanto marchiano quanto preoccupante. Le lotte e gli scioperi sono le uniche “armi” delle organizzazioni sindacali. Il sale della democrazia.

----------------------------------------------
DEMOCRAZIA ATEA
I carabinieri hanno effettuato una perquisizione presso la sede nazionale del sindacato USB, a Roma, e hanno trovato una pistola nello sciacquone del water la cui presenza era stata denunciata con una telefonata anonima.
Arrivare alla preordinazione di simili sceneggiate è il sintomo di una grave distanza del Palazzo dalle forze organizzate sane del Paese, che stanno mantenendo la barra dritta del timone sulla direttrice dei principi fondanti della Nazione, quelli dell’antifascismo e contro il militarismo d’aggressione.
Ricordiamo che i lavoratori aeroportuali di Pisa e i portuali di Genova, iscritti al sindacato USB, si erano rifiutati di essere complici della guerra e avevano impedito il caricamento di armi, nel pieno rispetto delle norme costituzionali italiane che vietano l'invio di armamenti verso luoghi di conflitto.
Denunciamo la grave anomalia del Governo che agisce in spregio della Costituzione, e che nelle maglie larghe del contrasto al dissenso, lascia spazio a messinscena come quelle del ritrovamento di una pistola in uno sciacquone di un bagno con accesso pubblico.
In questa vicenda USB è vittima di una azione preordinata, e se ci sono voluti 42 anni per trovare i responsabili di una strage, non siamo così fiduciosi che si possa trovare il responsabile di questo gesto vigliacco e intimidatorio.
DEMOCRAZIA ATEA esprime piena solidarietà a tutti i lavoratori e lavoratrici USB, un sindacato che, tra i suoi meriti, ha anche il coraggio di non essere filo-governativo.
La Segreteria Nazionale di Democrazia Atea
Carla Corsetti
Segretario nazionale di Democrazia Atea

----------------------------------------------

Fronte Comunista

RISPONDIAMO COMPATTI ALLE INTIMIDAZIONI POLIZIESCHE!

Il clima di guerra serve a inasprire la deriva reazionaria che già da tempo abbiamo riscontrato con le manganellate agli studenti in lotta e le cariche contro gli operai in sciopero ai cancelli delle fabbriche e dei magazzini.

Ora, a chi si rifiuta di trasportare armi che vanno ad alimentare il conflitto in Ucraina incrociando le braccia nei porti e negli aeroporti, lo stato borghese risponde con le intimidazioni del suo apparato repressivo. È questo lo scenario in cui si svolge la perquisizione che i Carabinieri hanno portato a termine questa mattina presso la sede nazionale dell'USB.

Esprimiamo la nostra solidarietà militante ai compagni dell'USB e chiamiamo alla mobilitazione e alla vigilanza per respingere l'ondata repressiva che, con il pretesto della guerra, si sta abbattendo sui lavoratori e le masse popolari.

----------------------------------------------
Patria Socialista
Patria Socialista denuncia a gran voce l'attacco gravissimo in corso contro il sindacato di base USB ed ai suoi attivisti e militanti. Una pistola nascosta da mani consapevoli nel bagno di una sede sindacale aperta al pubblico di cui viene segnalata la posizione esatta da una telefonata anonima: questa è la nuova strategia della tensione messa in atto contro il Sindacato USB "colpevole" di lottare ogni giorno per i diritti dei Lavoratori, a testa alta e senza piegare la schiena.
Facendo seguito alla convocazione da parte del sindacato Patria Socialista invita tutti a confluire alle 16.30 sotto la sede nazionale USB in via dell'Aeroporto 129 a Roma per mostrare la solidarietà ai rappresentanti dei Lavoratori durante la conferenza stampa.

----------------------------------------------

Partito Marxista-Leninista Italiano

Care compagne, cari compagni,

dirigenti e militanti dell’Unione Sindacale di Base, vi esprimiamo la solidarietà e l’indignazione del Partito marxista-leninista italiano per la grave provocazione che avete subito da parte dei carabinieri, che senza mandato hanno perquisito la vostra Sede nazionale alla ricerca di armi, in seguito a una segnalazione telefonica di un anonimo.

Chiaro il tentativo da parte del governo del banchiere massone Draghi di discreditare la vostra Organizzazione sindacale per influire nelle votazioni in corso per le elezioni delle RSU nel Pubblico impiego e nello sciopero e nella manifestazione che avete indetto il 22 aprile “Contro il governo del carovita e della guerra”.

Sono sicuro che non vi farete intimidire da questo infame attacco e che continuerete a combattere con più impegno di prima in difesa dei diritti dei lavoratori, dei pensionati e delle masse popolari. Il PMLI non vi farà mancare certo il suo appoggio militante.

Andrea Cammilli

Responsabile della Commissione per Il lavoro

di massa del Comitato centrale del PMLI

----------------------------------------------

Sinistra Italiana Lazio

Chiediamo che sia fatta piena luce sulla perquisizione da parte dei carabinieri subita nella giornata di ieri dal sindacato USB nella sede nazionale di Roma. Ci sembra assai inverosimile e inquietante la meccanica dell'accaduto. È interesse in primo luogo dellUsb venire a capo di come sia misteriosamente finita una pistola nel water e chi ne fosse così informato da dare precise indicazioni ai Carabinieri. Siamo convinti che le armi vadano cercate altrove. Magari negli snodi di traffico dove transitano clandestinamente per i profitti a volte illeciti, ma sempre ingiusti, dei mercanti di morte. Massima solidarietà con l'USB che, fino a prova contraria, ipotizzìamo essere vittima di una prevaricazione a carattere intimidatorio.

----------------------------------------------

Partito Comunista (Svizzera)

Care compagne e cari compagni dell’USB,

abbiamo appreso con sgomento dell’inaudita provocazione poliziesca di cui siete stati vittima

questa mattina presso la vostra sede nazionale di Via dell’Aeroporto che abbiamo visitato alcuni

anni fa. Con queste poche righe, rinnovandovi la nostra stima, dalla Svizzera vi esprimiamo la

nostra piena e assoluta solidarietà.

Non ci sfugge il tentativo di criminalizzare un’importante organizzazione sindacale di classe come

l’USB: indipendente, con influenza di massa, fra le più combattive in Italia e che ha inoltre –

soprattutto in questo contesto di guerra – un ruolo anti-imperialista importante sul piano

internazionale e nel movimento per la pace. Abbiamo ad esempio seguito con ammirazione la

coraggiosa lotta dei lavoratori da voi sostenuti contro l’invio di armi in Ucraina.

Siamo sicuri che affronterete questa difficile situazione con la determinazione, il coraggio e la

dignità per cui siete noti. Da parte nostra un sincero abbraccio, militante e internazionalista.

----------------------------------------------

Redazione Lotta Continua

Redazione pisana Lotta Continua

Una strategia sempre verde: la provocazione ai danni di sindacati conflittuali e movimenti di lotta

 Esprimiamo come redazione di Lotta Continua la nostra vicinanza e solidarietà al sindacato Usb. Ieri una telefonata anonima annunciava ai Carabinieri la presenza di una pistola nella sede nazionale del sindacato dove poi  è stata trovata dagli uomini in divisi nel corso di una perquisizione " a colpo sicuro".

Autentica provocazione, per quanto maldestra e dozzinale, ma anche un fatto preoccupante perchè molteplici potrebbero essere le chiavi di lettura.

In queste settimane gli oppositori alla guerra, all'aumento delle spese militari e della Bussola europea sono dipinti come nemici della democrazia, un fuoco disinformativo è stato scatenato sulle poche realtà di opposizione alla Ue e alla Nato. 

Non è da escludere che quanti hanno pensato di nascondere una pistola in una sede sindacale avessero come obiettivo deviare l'attenzione dalle lotte e dai conflitti nei luoghi di lavoro isolando al contempo gli oppositori alla militarizzazione dei territori

Dalla legge Reale e dalla Cossiga ad oggi la democrazia è costantemente minacciata e se ciò non bastasse arrivano i soliti maldestri tentativi di trasformare gli oppositori sociali e sindacali in violenti e pericolosi estremisti armati

SOLIDARIETA’ A COMPAGNI E COMPAGNE DI USB!

----------------------------------------------
Cittadinanzattiva/TDM Rieti

Cittadinanzattiva/ Tribunale per i Diritti del Malato di Rieti, in riferimento all’episodio del ritrovamento di un’arma da fuoco nel bagno della vostra sede nazionale, crede fermamente che si sia trattato di una gravissima forma di provocazione che ricorda tristemente la strategia della tensione degli anni 70/80.
Siamo quindi ad esprimere tutta la nostra solidarietà e dove possibile, il nostro pieno sostegno alla USB, considerandola ormai una rara realtà in Italia di organizzazione di tutela dei lavoratori e dei cittadini in genere.
Andiamo avanti con forza e determinazione per la tutela dei diritti civici, civili ed umani, contro lo strapotere dei poteri forti nazionali ed internazionali, che quotidianamente massacrano letteralmente i cittadini, con particolare accanimento contro quelli liberi e non condizionabili nei pensieri e nelle azioni.
Cordiali saluti

----------------------------------------------

Circolo Avanti! Social di Rimini e Provincia

Solidarietà a USB contro le provocazioni.

Il Circolo Avanti! Social di Rimini e Provincia esprime la propria solidarietá all’USB contro la provocazione di cui è stato oggetto.

Sembra proprio una macchinazione pretestuosa con lo scopo di delegittimare e criminalizzare chi come USB e il sindacalismo di base si batte anche contro l’aumento delle spese militari.

Giù le mani dal Sindacato dei Lavoratori.

No alla Guerra No alle spese militari! No alla guerra!

Viva il Sindacato delle Lavoratrici e dei Lavoratori.

#solidarietà

----------------------------------------------

SCOSSE - Associazione di Promozione Sociale

La nostra solidarietà a Unione Sindacale Di Base dopo l’assurda perquisizione in cerca di armi di questa mattina.

Nessuna intimidazione può fermare le Battaglie per i diritti.

----------------------------------------------

Ce.In.G.  Centro di Inizativa Giuridica Abs El salam

SOLIDARIETA’ A USB CONTRO TUTTE LE ARMI (COMPRESE QUELLE NASCOSTE NEL CESSO).

I Carabinieri sono entrati oggi nella sede di Usb e l’hanno perquisita identificando chi era al suo interno in base all’art. 4 della famigerata legge 152/784 meglio nota come Legge Reale che prevede come   “in  casi eccezionali di necessità e di urgenza, che non consentono un tempestivo provvedimento dell’autorità giudiziaria, gli ufficiali ed  agenti della polizia giudiziaria e della forza pubblica nel corso di    operazioni    di   polizia   possono   procedere,   oltre   che all'identificazione,  all'immediata  perquisizione sul posto, al solo fine di accertare l'eventuale possesso di armi, esplosivi e strumenti di  effrazione, di persone il cui atteggiamento o la cui presenza, in relazione a specifiche e concrete circostanze di luogo e di tempo non appaiono giustificabili”.

Occorre allora capire perché i quadri militanti di Usb e gli attivisti sociali con cui collabora siano “persone il cui atteggiamento o la cui presenza, in relazione a specifiche e concrete circostanze di luogo e di tempo non appaiono giustificabili”La spiegazione davvero unica  è rinvenibile nel comunicato del 30 marzo in cui Usb afferma come “gli effetti della guerra…non potranno che ricadere pesantemente sui redditi più bassi e su quelli dei lavoratori come sta già avvenendo” evidenziando come “sia tempo di riavviare un processo di presa di parola dal basso che affermi con forza quali sono gli interessi dei lavoratori e che lotti per conquistarli”. E dove risiede la “ eccezional(e) ..necessità e ..urgenza”? Nel fatto che questo”processo di presa di parola dal basso” Usb non si è limitato ad invocarlo ma lo sta costruendo: domani a Bologna assemblea e a seguire manifestazione  “abbassare le armi, alzare salari e diritti” di lancio dello sciopero nazionale di tutte le categorie di lavoratrici e lavoratori coinvolti nella raccolta, produzione, logistica, trasporto, distribuzione e commercializzazione delle merci del 22 aprile "contro il Governo del carovita e della Guerra è l'ora della variante operaia, senza lavoratori non c’è vera ripresa”.   La risposta è stata una denuncia (a quanto se ne sa al momento)  anonima, che ha profeticamente indicato la presenza di una pistola in water. Tutto questo fa paura, perché chiunque voglia esprimere posizioni critiche si potrebbe imbattere in denunce anonime e pistole nel water. Ma da la certezza che la rotta è giusta e proprio di questo che c’è bisogno. Insieme  a Usb e contro tutte le armi (sia quelle  che vengono spedite in blocco che quelle che vengono  nascoste ad  una ad una da chicchessia)  per la pace, la giustizia sociale e la libertà: “abbassare le armi, alzare salari e diritti”  

Il Presidente e il  Coordinamento di Ce.In.G.  Centro di Inizativa Giuridica Abs El salam

----------------------------------------------

Fabrizio Garbarino, co-coordinatore nazionale di  ARI

I contadini e le contadine dell'Associazione Rurale Italiana sono vicini agli uomini e alle donne di USB contro questa vergognosa provocazione.
Le armi vanno "buttate nei cessi" non solo metaforicamente ma anche fisicamente, ma il ritrovamento di una pistola nei bagni della sede aperta al pubblico di USB é chiaramente un atto intimidatorio e provocatorio.
Viva USB, Viva la pace.
Odiamo le armi, amiamo i lavoratori e le lavoratrici.
Non ci metterete paura!
----------------------------------------------

Rete Iside Onlus 

Rete Iside esprime massima solidarietà con L’Unione Sindacale di Base, organizzazione sindacale cui da tempo ci lega una stretta collaborazione e con la quale condividiamo molte campagne ed attività.

Nella mattina di mercoledì 6 aprile, infatti, alla sede nazionale di USB di Roma si sono presentati i carabinieri che, a seguito di una segnalazione anonima, volevano effettuare un’ispezione alla ricerca di armi in una sede sindacale. Una pistola è stata poi rivenuta nello scarico di un water in una dei bagni pubblici della sede USB. Ci uniamo alla solidarietà che in tanti stanno dimostrando ad USB, convinti che questo grave attacco al sindacato ed al sindacalismo non possa passare sotto silenzio: le uniche armi del sindacato sono le mobilitazioni e gli scioperi a difesa dei diritti di chi lavora.

Come Rete Iside ribadiamo il nostro appoggio ad USB e ricordiamo l’importane battaglia per l’introduzione del reato di omicidio sul lavoro che ci accomuna da tempo. Facciamo nostro lo slogan “abbassate le armi, alzate i salari” che sta accompagnando le mobilitazioni di USB in questi mesi.

Pubblico Impiego, presentazione della ricerca USB sui nuovi assunti

La variante operaia in piazza a Roma

Il nuovo numero di Proteo

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati