24 gennaio 2022, ultimo aggiornamento alle 20:30
Insieme siamo imbattibili.

“Stiamo con Draghi ma scioperiamo”. I sindacati concertativi sono ormai nel pallone

Nazionale, 07/12/2021 15:09

Cgil e Uil, questa volta senza la Cisl, “apprezzano l’impegno e lo sforzo del Premier Draghi e del suo Esecutivo” e nello stesso comunicato stampa proclamano uno sciopero generale per il prossimo 16 dicembre intitolato “Insieme per la giustizia” a sostegno della loro piattaforma.

Una piattaforma alla base dello sciopero i cui contenuti sono fumosi e sconosciuti ai più, come sempre più spesso avviene, e che non affronta il nodo centrale della situazione che stiamo vivendo, cioè il giudizio sul governo Draghi e sull’impianto economico, politico e sociale che porta avanti.  Dal PNRR alla Legge di Bilancio ormai in dirittura d’arrivo e immodificabile nella sua essenza, fino al disegno di legge sulla concorrenza con il quale si preparano a privatizzare ciò che resta di pubblico in Italia, tutta la politica del governo Draghi è ispirata agli interessi delle grandi imprese ed è destinata ad approfondire le disuguaglianze sociali e territoriali.

Il sindacalismo di base di questo impianto ha dato un giudizio netto e senza tentennamenti tanto ideologico quanto concreto e ha chiamato le lavoratrici e i lavoratori allo sciopero generale l’11 ottobre e a una giornata nazionale di protesta il 4 dicembre, il No Draghi Day, assieme a un ampio schieramento di forze sociali, movimenti e organizzazioni politiche.

Chi oggi chiama ad uno sciopero generale mutilato della sua funzione politica, lavora platealmente ad affermare la propria esistenza in vita, a mendicare qualche ulteriore brandello di concertazione mentre continua imperterrito nella sua strategia di accompagnamento nella demolizione sistematica della forza del movimento dei lavoratori.

Solo per stare agli ultimi giorni, coloro i quali indicono questo sciopero generale hanno sottoscritto l’accordo Whirpool dando il via libera a oltre 300 licenziamenti e sottoscritto il contratto di ITA che sancisce il totale dominio di impresa sulle lavoratrici e i lavoratori sopravvissuti al massacro degli ottomila licenziamenti Alitalia e in cui, oltre a seppellire l’articolo 2112 sulla tutela dei lavoratori in caso di cessione di impresa, hanno anche accettato il taglio del 30% delle retribuzioni e una soglia di rappresentatività del 15% per poter fare sindacato nella neonata azienda pubblica.

Contemporaneamente, mentre l’Unione Europea riconosce la necessità per tutti i Paesi aderenti di dotarsi di un salario minimo a fronte di una clamorosa crescita del lavoro povero, le confederazioni italiane assieme alla Confederazione Europea dei Sindacati, a guida Uil, ottengono la possibilità di scantonare dalla direttiva e di poter definire il minimo salariale attraverso i contratti, cosa che non muterà minimamente la condizione oggi esistente.

Si potrebbe continuare quasi all’infinito nell’evidenziare tutte le enormi e storiche responsabilità di Cgil, Cisl, Uil nell’accompagnare la sistematica politica di smantellamento dei diritti e delle aspettative del mondo del lavoro, ma ci fermiamo qui, all’oggi, e ci basta e ci avanza.

La battaglia contro il governo Draghi, contro l’ipotesi di prosecuzione del banchiere europeo alla guida del governo o del Paese non ha nulla a che vedere con questo sciopero, che non ci interessa e non ci riguarda.

Unione Sindacale di Base

Il nuovo numero di Proteo

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Le lavoratrici Alitalia in Campidoglio

USB, 10 anni di rEsistenza

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati