14 novembre 2019, ultimo aggiornamento alle 21:04
Insieme siamo imbattibili.

Agropoli. O' vint e luglio. I lavoratori ringraziano e scrivono alle RdB.

Salerno, 08/08/2007 10:46

 

 

 

 

 

 

 

 

O’vint e luglie


Quanta jurne so passate
 Diece, quindici, vinte, trenta
E si oggieso trentuno.
Era o riciannove e giugn
Quann tutt è cuminciat
Quann ‘ncazzatabbasce simme scise
E a stanza ro direttore
Amm’occupat.

Notte e jurne rintaa
chella stanza simme state.

Mò stamme cà n’anza a stu bar
Sott a l’assesorato,
felice, increduli, appaciate, pecchè
ancora nun ce crerimmo,
nu piezze e carta
rinte e mane tenimmo.

E’ sule nu piezze e carta

Ma sotto ce stanno
Sette, otto firme
Una su tutte ce piace e guarda
Se legge “Angelo Montemarano“
Maronna mia ci ’ammo fatta
‘A firmat.

Po l’ate nomme guardamm:
Don Bruno Lancuba,
Si! Proprie Iss o Prevete
Chillo e l’ata vota
Chillo de binari e da Regione
Chillo ca po spitale è sempe pront.
Pure Isso è nu sindacalista
Ma o sindacato suoio è fort assai
Se chiamma POPOLO
E Iss è o Revotapopolo

Alessandro Bacci;
Si o ‘nfermiere forestiero
Chillo ca quann parla
Te piace ro sentì
Pe chill’accento strano.
E’ preparat assai, è semp pront
a scenne n’campo,
To truove semp accant quann
Se tratta e battaglià

Po ce so ate firme, c’è chella
ra Dottoressa e chella ro Consigliere
chella ro Segretario RdB CUB
Si chella mezza botta
Che tanta guai a Saracino ha procurat.

Appriesse ce stà chella e
Vito, Vito Storniello,
Pe chi nunn o cunosce
È o segretario re chillo Sindacato
Si chillo sindacato cu nu nomme stran
“RdB CUB “
pare quase a marca e na supposta   
ma fors pe Montemarano e Saracino
è stat overe na supposta.

Vito s’appresentò o 19 e giugno
E nun se ne chiu jute
E’ stat int’o Spitale
Comme a nu carcerato
A famiglia soja pe pers l’era rato
Ha girato, ha vutate, ha cumbattut
All’inizio paricchie hanno pensat:
“ Ma addo vo ji chiste
Chiste farrà a fine e Don Chisciotte
E l’ate appriesse a fine re fess!
E nui cafess nun simme è meglie
Che c’iammacchiamm.”

Embe hann pensat male.
Ma nu fa niente l’avimma perdunà
Pecchè comme rice o ritt antic
“Fa bene e scuordate,
 fa male e piensece “

A lotta ha pagato
mo s’accummenciaracapo.

Chest’eran e firm che se vereano
Ma a chiù bella,a chiù importante

E CHELLA CA NUN SE LEGGE
STA NASCOSTA,
STA RINT O CORE NUOSTR
LEGGE SULE CHI RINT A LOTTA
HA CRERUTE E NUN HA CEDUT
E' BELLA, E’ SCRITTA GROSSA
SE LEGGE:

DIPENDENTI OSPEDALE DI AGROPOLI


Il venti luglio

Quanti giorni sono trascorsi
Dieci, quindici, venti, trenta
E si oggi sono trentuno
Era il diciannove giugno
Quando tutto ha avuto inizio
Quando incazzati siamo scesi
E la stanza del direttore
Abbiamo occupato
Notte e giorno dentroa
Quella stanza siamo stati.


Adesso siamo qui davanti a questo bar
Sotto l’assessorato
Felici, increduli, appagati, perché,
Ancora non ci crediamo,
Un pezzo di carta
Tra le mani abbiamo.
E’ solo un pezzo di carta
Ma sotto ci sono
Sette, otto firme
Una su tutte ci piace guardare
Si legge "Angelo Montemarano"
Madonna mia ce l’abbiamo fatta
Ha firmato.

Poi gli altri nomi guardiamo:
Don Bruno Lancuba,
Si! Proprio Lui il Prete
Quello dell’altra volta
Quello dei binari e della Regione
Quello che per l’Ospedale è sempre pronto.
Anche Lui è un sindacalista
Ma il suo sindacato è forte assai
Si chiama POPOLO
E Lui è il Capopolo.

Alessandro Bacci
Si l’infermiere forestiero
Quello che quando parla
Ti piace ascoltarlo
Per quello strano accento.
E’ molto preparato ed è sempre pronto
a scendere in campo,
Te lo trovi sempre accanto quando
Quando si tratta di lottare.

Poi ci sono altre firme, c’è quella
Della Dottoressa e quella del Consigliere
Quella del Segretario RdB CUB
Si quella mezza botta
Che tanti guai a Saracino ha procurato.

Appresso c’è quella di
Vito, Vito Storniello,
Per chi non lo conosce
E’ il segretario di quel Sindacato
Si quel sindacato dal nome strano
 “RdB CUB “


Pare quasi la marca di una supposta
Ma forse pe Montemarano e Saracino
è stato davvero una supposta.


Vito arrivò il 19 giugno
e non se ne è piu andato
E’ stato nell’Ospedale
Come un recluso


La sua famiglia l’aveva dato per disperso
Ha girato, s’è impegnato , ha combattuto.
All’inizio parecchi hanno pensato:


 “Ma questo dove vuole arrivare
questo farà la fine di Don Chischiotte
E gli altri appresso quella dei fessi!
E noi che fessi non siamo è meglio
Che ci imboschiamo.”


Ebbene hanno pensato male.
Ma non fa niente li perdoniamo
Perché come dice l’antico proverbio


 “Quando fai del benescordalo
quando fai del male pensaci.”

La lotta ha pagato
adesso si ricomincia.

Queste erano le firme visbili
Ma la più bella, la più importante
E’ QUELLA CHE NON SI LEGGE
STA NASCOSTA
STA DENTRO IL CUORE NOSTRO
LA LEGGE SOLO CHI NELLA LOTTA
HA CREDUTO E NON HA CEDUTO
E’ BELLA E SCRITTA GRANDE
SI LEGGE:

DIPENDENTI OSPEDALE DI AGROPOLI


All’amico Vito ed a tutti i compagni della RdB CUB che sono stati e continuano ad esserci vicini come segno della nostra gratitudine e del nostro affetto.

Enzo Negri, infermiere prossimo alla rottamazione.


la manifestazione del 18 Luglio 2007


Assemblea metalmeccanici USB

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni