01 luglio 2022, ultimo aggiornamento alle 02:45
Insieme siamo imbattibili.

Porto di Livorno, in Alp proclamati 3 giorni di sciopero: l'integrativo non si tocca. Denuncia USB: nuovo caso di autoproduzione in Darsena Toscana

Livorno, 23/06/2022 11:57

L’RSU di Alp, viste le mancate convocazioni richieste all’azienda e alla AdSP locale dopo le riferite in Prefettura di Livorno il giorno 17 giugno, dichiara lo sciopero di 72 ore per i giorni 1-2-3 luglio 2022 , a partire dalle 00.00 del 1 luglio 2022 alle 24.00 del 3 luglio 2022 con continuazione perpetua del blocco degli straordinari, fuori rubrica, e raddoppi fino al ricevimento di una convocazione ufficiale da parte dell’azienda.

Nel rappresentare al meglio i nostri colleghi non possiamo far finta che questo continuo silenzio da parte dell’impresa fomenti il vento di “voci” e imprecisioni che ci vengono riportate quotidianamente sul posto di lavoro. Voci di una possibile "crisi" che nei fatti non esiste ma che evidentemente sono utili per mettere in discussione prima di tutto l'ottimo integrativo aziendale sottoscritto con la precedente dirigenza e che rischia di essere visto dalle altre società portuali come un pericoloso esempio. In un momento in cui la stragrande maggioranza delle trattative è ferma al palo e si decide di elargire solo qualche briciola. Tutto ciò nonostante armatori e terminalisti stiano macinando utili milionari nel post pandemia. 

Siamo venuti a conoscenza di una convocazione dell’Assemblea dei Soci per il giorno 27 giugno 2022 e, nel rispetto dei civili rapporti sindacali, ci auguriamo di essere convocati subito dopo con l’unico fine di riuscire a svolgere il nostro ruolo sindacale, ad oggi fortemente limitato da parte dell’impresa. Ci auguriamo che anche l'Autorità di Sistema Portuale decida finalmente di assumere il ruolo che le compete, cioè quello di soggetto conciliatore, e convochi le parti. 

RSU ALP

Due giorni fa l'Unione Sindacale di Base si è trovata nuovamente costretta ad intervenire con una denuncia dettagliata rispetto ad un caso di autoproduzione. Nello specifico la nave Repubblica del Brasile in Darsena Toscana. Diversi i lavoratori marittimi chiamati a svolgere operazioni di rizzaggio.

USB Livorno sezione Porto

Ceing, convegno "Salario minimo, lavoro povero, rappresentanza"

La variante operaia in piazza a Roma

Il nuovo numero di Proteo

"SOBERANA" La sfida di Cuba al Covid19

Costruiamo il futuro. Scarica il pdf

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati